domenica 29 aprile 2012

E luce fu! ...(più o meno)

Proprio alle spalle di piazza Navona c'è un'altra piazza che nessuno conoscerebbe se non vi fosse ubicata la straordinaria chiesa di San Luigi dei Francesi. E' una stupenda chiesa stile barocco del 1589 ed oggi è più affollata del solito; la conosco a menadito, ci vengo spesso,traffico permettendo. Appena entro l'opulenza dei marmi pregiati,dei preziosi decori , delle vetrate artistiche mi trasportano un una dimensione lontana e perfetta. La chiesa ha tre navate e in ogni cappella delle due laterali affreschi e pale d'inestimabile valore posano solenni per farsi rimirare; alzo gli occhi e la volta della cupola mi procura quasi un capogiro per la bellezza assoluta che trasmette. Ma tutto ciò viene quasi ignorato dai visitatori, e si che ci sono capolavori del Domenichino, una copia di Guido Reni di Raffaello e si possono tutti tranquillamente fotografare e filmare;ma io so bene il perchè.
Nella quinta cappella di sx, la cappella Cantarelli, tre capolavori assoluti di Caravaggio attirano come calamite tutti i turisti presenti. Lo so bene, sono spettacolari, l'opera centrale, delimitata da due colonne di marmi preziosi si staglia imponente, il rosso del manto di S. Matteo mi ipnotizza, non di meno delle due opere laterali dello stesso Merisi. Ma qui succede l'ordinaria follia di cui vado parlando: benchè  una vetrata meravigliosa illumini i quadri, la cappella è stranamente pervasa da una penombra tetra; e qui il colpo di genio, una bella gettoniera a 1 o 2 euro che dispensa al turista ignaro pochi attimi di luce fievole per fotografare queste meraviglie, e solo queste perchè nelle altre cappelle non è prevista la luce a pagamento. I turisti si accalcano entusiasti ma poi nessuno vuole fare la figura del beota che mette i soldi e gli altri fanno foto, così nasce una situazione quasi irreale: flash, grida per mettere i soldi, imprecazioni allo spegnersi quasi istantaneo della luce, salire sui marmi per trovare la posizione migliore. Trovo tutto ciò assurdo, come si può pensare di gettare pochissimi secondi di luce pessima per immortalare  opere per le quali alcune persone hanno attraversato continenti? Mi allontano, i quadri c'è li ho negli occhi e nel cuore, sfioro le preziose e gelide colonne, il pavimento a tratti di mosaico consumato dai secoli è liscio sotto le mie dita. Vicino alle acquasantiere uno stand espone coroncine, guide e altre carabattole e dice di rivolgersi al venditore interno, un distributore automatico di cartoline dei dipinti di Caravaggio, ovviamente a pagamento ha fregato 2 euro ad un tedesco piuttosto scocciato e lo scuote violentemente imprecando:vorrei dirgli di non prendersela,nessuna stampa può replicare quel rosso che solo la mano divina e maledetta di Caravaggio poteve fare. Mi giro verso la mirabile altare, non sono molto pratica di cose di chiesa e poco le condivido, ma ho sentito di un gran Signore venuto da Nazareth che cacciò a bastonate alcuni mercanti da un tempio perchè vendevano mercanzia profanando la sacralità del luogo.
Ma forse qui non lo conoscono.

12 commenti:

  1. Caravaggio??? e di dici poco???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trovo di una tristezza infinita speculare sul patrimonio artistico publico.E poi dentro una chiesa ?!!

      Elimina
  2. O non lo conoscono, o sono duemila anni che lo prendono per il c***... :-(

    Sull'Arte sacra in generale sono un po' in controtendenza: quegli Artisti sono semplicemente Meravigliosi, ma mi chiedo sempre quali splendide opere avrebbero saputo donarci se fossero stati più liberi di spaziare su soggetti più vari...

    p.s. ti segnalo la presenza della fastidiosa verifica parole: nel caso l'avessi a tua insaputa (il maledetto sistema la mette in automatico, e quando commenti sul tuo stesso blog a te non appare!) prova a rimediare... :)
    (se non ce la facessi, verrò a linkarti un mio post apposito di qualche tempo fa, con tutte le istruzioni...)
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono una neofita del web e sono consapevole che spesso faccio dei casini immani e anche tutte la parole tecniche devo prima decriptarle:spero non mi prendiate troppo per il c...!
      Se potessi aiutarmi te ne sarei immensamente grata,forse diventeremmo fratelli di sangue. Parola di Giovane Marmotta.

      Elimina
  3. Non è colpa tua, sono loro stupidi a mettere in automatico questa cosa inutile e fastidiosissima... ecco il link (dovrai solo seguire le istruzioni finali in blu)

    http://zioscriba.blogspot.it/2012/02/cumunicazione-di-servizio-la-nuova.html

    RispondiElimina
  4. Associazione di idee o telepatia a distanza, riguardo la scelta della Chiesa e nello stupore che questa genera:-)) ... per il resto fa tristezza, come ben sottolinei, l'incapacità di valorizzare Opere così Importanti, nella dovuta maniera, non con espedienti da ruba galline!
    oltre tutto ci facciamo la solita figuraccia all'estero ...

    Ciao Keiko
    (se non sei fidanzata:-) o comunque impegnata, si potrebbe combinare un incontro ... magari a San Luigi dei Francesi:-))... e poi sarà quel che sarà

    Ciao

    RispondiElimina
  5. Un incontro al buio:-D
    l'amnbiente direi che lo favorisce:-)... ma noi siamo du Astri Luminosi

    Ariciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Paolo,tu sei un bel volpino
      ma, come hai visto dall'avatar, io sono una tigre e mi cibo di volpi!!
      Ciao ciao

      Elimina
  6. Conosco anche io quella chiesa, così come le altre in cui vi sono dei Caravaggio ed ho sempre trovato ignobile questa abitudine di dover speculare su un bene artistico che dovrebbe essere di tutti. Dannati tirchi, che poi metti un euro e dura pochissimo la luce. E pensare che a Londra, per dirne una, persino i musei sono gratis. Qui se non paghi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. San Luigi dei francesi è tanto bella quanto scandalosamente oscena per questa triste usanza.
      Meno male che basta avanzare di qualche decina di passi e la spettacolare chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza accoglie i turisti senza chiedere niente: ne scriverò molto presto.
      Ciao

      Elimina
  7. Conosco bene quella chiesa e quel Caravaggio: della triste e secolare abitudine merceologica di sacra romana chiesa so altrettanto bene. Però naturalmente il quadro è mal posizionato e non credo che già nel 6oo la cosa fosse fatta a bella posta. C'è buio naturalmente quasi sempre e dio bestemmiando in cuor mio pur di vedere in modo adeguato il Merisi ho sempre infilato l'euro nella fessura.

    RispondiElimina