martedì 28 agosto 2012

Rincarnazione


S' io fossi fuoco arderei lo mondo,
S'io fossi vento lo tempesterei,
Se fossi acqua io l' annegherei,
Se fossi Dio mandereil in profondo.
Se fossi Papa sarei a lor giocondo,
Che tutti i Cristiani imbrigherei,
Se fossi Imperador, sai che farei?
A tutti mozzerei lo capo a tondo.
Se fossi Morte anderei da mio padre,
Se fossi Vita fuggirei da lui,
E similmente faria di mia madre.
Se fossi Cecco, com 'io sono e fui,
Torrei le donne più belle e leggiadre,
E zoppe e laide lascerei altrui.
 
Come è possibile, come si può ragionevolmente spiegare che  tutto quello che scrisse Angiolieri nel '300, io lo sento e lo vivo come fosse uscito dalle mie meningi e dall'anima stessa? E, tuttosommato, approfitterei anche della parte più carnale.
 

11 commenti:

  1. Risposte
    1. Brutti momenti..!!!
      Chi non ne passa?!

      Elimina
  2. col fatto che ci sono cose definibili "immortali".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido, e come potrei non farlo? con una sola parola hai definito un mondo.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Eh, il grande Cecco... Curioso che dei cento e passa sonetti che scrisse tutti quanti ricordiamo solo questo... che in effetti è l'unico che c'insegnano a scuola, che citano tutti, che De André ha messo in musica...
    OT Grazie per la visita e il commento. Come ti ho detto da me, mi pare di ricordarti su Splinder, ma il tuo blog qui è recente e non trovo traccia di archivi del passato; magari ricordo male...
    Lieto della conoscenza, un sorriso, tuo
    Cosimo Piovasco di Rondò

    RispondiElimina
  4. Ma anche "La mia malinconia è tanta e tale"... dove malinconia non è vago e dolceamaro sentimento ma umor nero, insoddisfazione, rabbia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sento simile alla mia : non un dolce sentimento di rimpianto, ma dolore e impotenza.

      Elimina
  5. io invece le sento così lontane...
    bello il mondo perchè è vario

    RispondiElimina
  6. Ci sono cose immutabili , siamo uomini ed eterno è il nostro penare nei secoli dei secoli. Amen:(

    RispondiElimina
  7. Ciao Keiko, il grande Cecco era appena, appena arrabbiato quando ha scritto questi versi!
    Buona giornata!

    RispondiElimina