mercoledì 31 ottobre 2012

Vi siete divertiti?!!


  Ora che io sono livorosa e fumina l'avete capito, mio malgrado devo arginare la mia istintività a causa di un'ulcera devastante.
Detto ciò vi racconto i fatti.
In un quartiere poco lontano dal mio, dove spesso transito con l'auto per accompagnare mia figlia che lavora fuori il G.R.A., è arrivato un circo di uno dei tanti Orfei.
Già da qualche sera mia figlia tornava a casa sbraitando e piagnucolando per quello che vedeva:" Quella povera giraffa! Stava in mezzo a tutto quel traffico, in quel microrecinto; e i cavalli, poveri! Tira vento , piove, e c'era una povera zebra, e i cammelli li tiravano con una corda nel naso...." E continuava così fino  a quando riuscivo a farle cambiare argomento. Domenica mattina sono andata anche io ad accompagnarla ed al ritorno, senza di lei in macchina, io e mio marito abbiamo potuto constatare l'evidenza.
La mattina  gli animali sono tenuti all'aperto in piccoli e fragili reciniti: sole, vento, pioggia, niente induce i proprietari a metterli al coperto. L'ippopotamo è un animale acquatico, lì sta in un recinto di terra battuta, dove di solito c'è un campo rom e l'acqua la schizzano con un tubo: magari gelida. E i felini. Cosa è rimasto della dignità di questi signori delle foreste? Saltano in cerchi di fuoco, si ergono rampanti pungolati dai frustini; anche con loro alcuni recinti sono inadeguati ed in altri casi stanno in camion trasformati in prigioni. Perchè lo zoo mattiniero si paga e quindi si espongono struzzi, cavalli, elefanti, pony, leopardi che guardano bramosi le prede e tutto per  puro lucro. Tutto per soldi, sempre e solo i soldi.
E l'orario degli spettacoli: andateli a vedere on line, anche tre al giorno.
Forse 100 anni fa questo spettacolo era ancora concepibile: in quale altro modo vedere simili animali se non al circo.
Ma ora!! Ma qualcuno pensa davvero che un orso sia felice di zompettare come un'idiota, quando vorrebbe artigliare salmoni in mezzo ad un fiume; che una tigre sia consensiente di saltare da uno sgabello all'altro quando la sua natura è riservata , territoriale e predatoria?
E tutto ciò con il benestare del nostro Stato che li sovvenziona, togliendo a noi scuole, sanità e quant'altro.
Ora sta piovendo a dirotto, il vento è molto violento.
Tra poco tornerà mia figlia e comincerà un pò a piagnucolare e un pò ad urlare adirata.
Io vado a prendere le mie medicine per l'ulcera, vi lascio qualche foto di come dovrebbero stare quegli animali.
Trovate voi le differenze












                                                                         
                                                               

P.S. 
Pubblico di seguito quanto appreso dall'OIPA                                                                   
        
I Paesi nel mondo che hanno vietato (anche parzialmente) l’utilizzo degli animali nei circhi (Tratto dall’associazione inglese: Animal Defenders International)
EUROPA
Austria divieto nazionale dell’utilizzo di tutti gli animali selvatici
Belgio divieto nazionale dell’utilizzo di tutti gli animali selvatici
Croazia divieto dell’utilizzo di tutti gli animali in 21 giurisdizioni municipali
Repubblica Ceca divieto nazionale parziale all’utilizzo degli animali nei circhi
Danimarca divieto nazionale dell'utilizzo degli animali selvatici, con alcune eccezioni
Estonia divieto nazionale dell’utilizzo di tutti gli animali selvatici
Finlandia divieto nazionale dell'utilizzo degli animali selvatici, con alcune eccezioni
Grecia divieto dell’utilizzo di tutti gli animali in 9 giurisdizioni municipali
Malta divieto degli animali elencati nel CITES
Polonia divieto nazione dell’utilizzo degli animali selvatici, con alcune eccezioni
Slovacchia divieto degli animali elencati nel CITES
Spagna divieto dell’utilizzo degli animali selvatici a Barcellona e Blanes
Svezia divieto nazione dell’utilizzo degli animali selvatici, con alcune eccezioni
Regno Unito oltre 200 giurisdizioni municipali hanno divieti ai circhi con animali (più dei 2/3 di questi proibiscono le rappresentazioni con animali, i rimanenti proibiscono solo gli animali selvatici).

RESTO DEL MONDO
USA divieto dell’utilizzo di tutti gli animali in 20 giurisdizioni municipali
Canada divieto totale o parziale in 20 giurisdizioni municipali.
Argentina divieto dell’utilizzo degli animali a Buenos Aires
Brasile 12 giurisdizioni municipali hanno divieti totali o parziali, incluso un divieto totale a Rio de Janeiro
Colombia rappresentazioni con animali vietate a Bogota e un divieto dell’utilizzo degli animali selvatici a Dos Quebradas
Costa Rica divieto nazionale dell’utilizzo di tutti gli animali selvatici
Australia divieto totale o parziale all’utilizzo di tutti gli animali in 34 distretti
Nuova Zelanda divieto dell’utilizzo degli animali selvatici in 3 distretti
India divieto nazionale parziale all’utilizzo degli animali nei circhi
Israele divieto nazionale dell’utilizzo di tutti gli animali selvatici e divieto di tutti gli animali in 3 distretti

E se avete voglia di divertirvi ancora un po' guardate questo video
it/animali/fotogallery/elefanti-al-circo-ecco-come-si-addestrano_6789_8.html

43 commenti:

  1. Chi porta i bambini al circo deve essere consapevole che sta dando denaro a questa gente; gente che maltratta, violenta, sfrutta, ridicolizza gli animali togliendogli il diritto alla libertà e privandoli della loro dignità.
    So che lo sfruttamento degli animali permea ogni settore della nostra economia e che per eliminarlo è necessario decostruire alla radice la prassi dello sfruttamento del vivente (di cui sono vittime sia gli animali umani che non umani), eppure intanto si potrebbe intervenire su singole consuetudini che davvero non hanno più ragione di essere, come la caccia ad esempio, o la produzione delle pellicce, o anche il circo con gli animali, per l'appunto.
    L'uso degli animali nei circhi è già stato abolito in tanti paesi europei ed extraeuropei, non si toglie lavoro ai circensi, si tratta semplicemente di indurli a fare un altro tipo di spettacoli non lesivi della vita animale.
    Chi crede che gli animali nei circhi siano trattati bene è vittima di un grande inganno mediatico, essi per essere addestrati a compiere numeri contro la loro natura vengono picchiati, pungolati con bastoni elettrici, privati del cibo, comunque sia costretti a viaggiare in spazi angusti e a trascorrere l'intera loro vita dentro un recinto.
    Se il circo Orfei ed altri del genere ancora tengono gli animali è perché c'è ancora gente disposta a pagare per essi. Mi domando, cara Keiko, esattamente come ti stai chiedendo tu, che gusto ci trovi la gente a vedere un orso che salta, una tigre che salta dentro un cerchio o un elefante che si siede su uno sgabello.
    Fai bene a denunciare questo scandalo, io, come sai, ho chiesto ad un'associazione di organizzare un presidio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ce la facevo a non dirlo. E adesso con questo nubifragio che sta facendo qui da me, mia figlia tornerà sbraitando e imprecando perchè ci passa davanti anche col bus.
      Io non ce l'ho con i circensi: ammiro le loro prestazioni quando si tratta di trapezisti, antipodisti, giocolieri.
      Ma loro lo hanno scelto.
      Quelle creature magnifiche no.
      L'ultimo spettacolo che vidi( ti ho detto che si usava andarci a Natale) impegnava una tigre su un filo d'acciaio tra due sedie: una tigre trapezista.
      Ne sono uscita sconvolta, ogni volta che vacillava( il minimo che poteva fare) usavano la frusta e l'animale, forse stanco, dava forti segni di nervosismo.
      Certo, ogni tanto a qualche Orfei un felino regala ferite strazianti. Il prezzo da pagare.
      No, oggi sono proprio nervosa; c'è vento e il vento mi rende furiosa. Pensa a quelle povere creature (perchè le bestie stanno nei camper.)
      Scusa tutte le cose sconclusionate che ho scritto, ma è quello che provo da quando si sono insiedati qui vicino e meno male che sono sufficentemente lontani da non sentirli lamentarsi.
      Scusa ancora, oggi non ragiono

      Elimina
    2. E di cosa ti devi scusare? Hai scritto riflessioni bellissime ed importanti invece.
      E ti voglio ringraziare per questo post, bisogna parlare di queste cose.

      Elimina
  2. Hai assolutamente ragione. Gli animali dei circhi devono tornare nei loro habitat naturali!!!
    Sarebbe da fare un referendum... che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se possiamo organizzare qualcosa mi rendo disponibile.
      ......se tu vedessi...

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Perchè infliggere tanta sofferenza,poveri animali!
    Ti abbraccio cara Keiko e ti auguro una dolce serata.
    Ciao Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè siamo un paese troglodita!
      Un abbraccio a te:)

      Elimina
  5. eh... quando dico che le tradizioni sono fatte per essere abolite, invece di sprecare retorica e denaro a fiumi per preservarle... certa roba andrebbe abolita al volo, con una legge di quattro righe... e invece fanno leggi per impedire alla gente di dire quel che pensa... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dicessi ad alta voce ed in pubblico quello che penso su certe convenzioni, qualcuno mi dovrebbe portare le arance a Rebibbia.
      Anzi no.
      Le arance fanno male all'ulcera.
      Ciao carissimo

      Elimina
  6. Mi hanno sempre fatto una terribile tristezza, sin da bambina. Non so come faccia la gente a divertirsi a vedere degli animali schiavizzati. Andrebbero aboliti immediatamente, ma poi se ne viene fuori che danno posti di lavoro a molte famiglie.. come se in nome del posto di lavoro si potesse giustificare qualsiasi barbarie.
    Sono con te in tutto e per tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il circo va benissimo, ci mancherebbe altro, ma facciamolo senza animali; hai visto come si è organizzato il resto del mondo? E noi?
      Sempre arretrati.
      Vogliamo far vedere gli animali ai bamini?
      Portiamoli in un'oasi, non sono in libertà d'accordo, ma almeno non ballano, non ricevono ordini e non devono ubbidire!

      Elimina
  7. Oggi ho visto sul corriere milano la nuova regolamentazione in difesa degli animali. Fra le richieste appare quella di obbligare i circhi a sostare in spazi superiori a non ricordo più quanti metri quadrati (a Milano nemmeno il Forum detiene questo spazio) quindi ci si immagina che almeno in questa città essi non avrebbero più la possibilità di sostare. Inoltre le gabbie dovranno avere spazi e caratteristiche di gran lunga migliori di quelle di adesso. In conclusione gli animali in gabbia almeno a Milano non dovrebbero più arrivare.
    Nella nuova regolamentazione inoltre ci sono molte altre clausole inerenti la difesa degli animali oltre che a sanzioni penali di grossa entità per chi fa loro del male, li abbandona o li usa per sperimentazione.
    Mi auguro che questo provvedimento entri al più presto in vigore.
    E' solo Milano, è una zona ridotta ma... spero che il provvedimento si estenda a... tutto il mondo.
    Un abbraccio animalista
    Joh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi auguro davvero che sia una realtà e non una campagna per le elezioni.
      Se tu vedessi come stanno qui e lo spazio è abbastanza grande, ma non le loro gabbie.
      E' lo sfruttamento che non accetto.
      Ti abbraccio anch'io

      Elimina
    2. Gli animali non vogliono gabbie più grandi, ma gabbie vuote (cit. Tom Regan).

      Basta leggi migliorative, vogliamo leggi abrogative.

      Un saluto.

      Elimina
    3. ovviamente Biancaneve... su questo non si discute.
      Joh

      Elimina
  8. Non ho mai portato mio figlio al circo.

    Non ci si può divertire vedendo animali ammaestrati...e lontano dal loro habitat naturale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima Gianna!!!
      Ce ne vorrebbero 1000 di mamme come te!!
      Un bacio:))

      Elimina
  9. Da piccolo mio Padre non mi portava al circo, forse mi ha trasmesso la sua repulsione agli spettacoli con gli animali ... perchè anche oggi non li vedo nemmeno in Tv ... unica eccezione
    il Circo du Soleil
    http://www.youtube.com/watch?v=fllDB3FK7pI
    Che colpisce per la musica, le luci, i colori, i costumi e l'assenza di animali!

    Ciao Keiko

    RispondiElimina
  10. Ps
    Mio Padre amava molto gli animali e non si perdeva mai un documentario della National Geographic o di qualunque altro produttore.

    RispondiElimina
  11. Sai Keiko la cosa che mi fa indignare è immaginare il trattamento che devono subire tutti gli animali dei circhi, anche i cani, per assumere atteggiamenti che li snatura e che, ne sono certo, li fa soffrire.
    Avevo sentito parlare tempo fa di un divieto, anche in Italia, di
    utilizzare animali nei circhi ma vedo dalle tabelle che hai mostrato che da noi non è affatto così. Almeno fino ad oggi.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  12. @ Gianna
    @ Paolo
    @ Aldo

    Voglio chiarire il mio punto di vista.
    Personalmente non ho nulla contro coloro che fanno questo mestiere: lo scelgono, lo esercitano.
    Io sono furiosa contro coloro che lucrano sfruttando esseri viventi non consenzienti, per giunta con il sostegno dello Stato.
    Ogni anno il nostro Stato sovvenziona i circhi con soldi che ovviamente vengono tolti alla sanità, alle scuole, e a cento altre attività che ne avrebbero bisogno.
    Anche io da piccola andavo al circo, dirò di più: lo amavo.
    Poi sono cresciuta e ho capito un sacco di cose.
    La cieca obbedienza al "padrone" a qualunque costo.
    Non è quello che io credevo.
    Ma come può una giraffa "obbedire"?
    Ma come può un leone fare un inchino senza sentire l'istinto di sbranarti?
    Ma come può un elefante mettersi seduto mostrando il ventre che è la sua parte più vulnerabile, quando nell'aria avverte l'odore delle tigri del quale è terrorizzato?
    Chi di voi ha bambini o nipoti, dica questo, mostri i meravigliosi documenteri su questi superbi animali in natura e fategli fare un giochino: trova tu le differenze, chi sta meglio tra i due?
    Un'ultima cosa, il primo dicembre il Papa benedirà tutti i circensi( beati loro), e San Francesco dove lo mettiamo? Lui parlava al lupo, mica lo faceva saltare nei cerchi di fuoco.
    Ciao a tutti ragazzi e meditate.

    RispondiElimina
  13. Non me ne frega nulla se quegli animali sono nati liberi o in cattività, devono poter vivere nel loro habitat, che già si sta riducendo per le deforestazioni selvagge. Basta con gli animali chiusi nei recinti più o meno grandi degli zoo e stop agli animali nei circhi che possono offrire spettacoli bellissimi anche senza animali.
    Ciao buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enrico, siamo sulla stessa lunghezza d'onda.
      Peccato che allo stato dei fatti valiamo come due....
      Vedi tu
      Un abbraccio a te

      Elimina
  14. BASTA CON GLI ANIMALI NEI CIRCHI:FACCIAMO UN REFERENDUM!!!!ma l'Ente Protezione Animali,che fa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, altro che ENPA.
      Ma se lo Stao li sovvenziona e il Papa li benedice, cosa pensi che valiamo noi "popolo italiano animalista"?
      Te lo dico io: poco e niente.
      Indigniamoci, rendiamo pubblico lo schifo che pensiamo e soprattutto NON andiamo al circo
      Baci:)

      Elimina
  15. Da molto tempo non vedo circhi in giro, perlomeno non in zona. Ero convintissimo che il divieto di "usare" animali in questi spettacoli fosse attivo da tempo. Apprendo invece che siamo tra gli ultimi a "chiedere" che tale divieto venga messo con legge esplicita.
    A conferma di quanto siamo arretrati, mentre predichiamo al mondo che siamo la culla della civiltà.
    I bambini di oggi sono sicuramente più maturi di quanto eravamo noi in gioventù, quando la richiesta di "andare al circo" era accompagnata da capricci e musi lunghi in presenza di un diniego.
    A qualunque referendum o raccolta di firme "contro" dò la mia adesione incondizionata, nonostante il fatto che i gatti (chiamali stupidi...) siano esclusi da questa barbarie organizzata.
    Ciao, grazie del post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gatto, è vero i tuoi simili ne sono esonerati, ma i loro amici cagnolini no: anche loro zompettano in tutù e cappellino agli ordini del domatore.
      Proprio l'Italia, culla della civiltà, non ha nessun regolamento a riguardo, hai visto, persino l' India e il Costa Rica sono più civili di noi.
      Tutto è rimasto come ai tempi del Colosseo: leoni e orsi a dar spettacolo, nessuno si è accorto che sono passati più di 2000 anni.
      Ciao, grazie del tuo interessamento

      Elimina
  16. Ciao Keiko, dovrebbe esistere davvero la legge del Contrappasso di Dante, gli esseri umani dovrebbero essere rinchiusi in gabbia, addestrati dagli animali e ricompensati quando eseguono l'esercizio nel modo giusto.
    Lieta festa di Ognissanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oohh.....
      che immagine onirica!!!!
      Ma sono troppo intelligenti e niente affatto speculatori.
      Si stancherebbero presto di noi.
      Un abbraccio:))

      Elimina
  17. Ciao Keiko, sono completamente in linea con te, sapendo inoltre come si addestrano gli animali nei circhi, anche se i proprietari affermano che non è vero. Per esempio tu parli dell'orso che balla, ma perché balla? Perché mentre lo addestrano gli fanno sentire una musica e gli scottano le zampe. Quando nella pista sente la stessa musica, si ricorda del dolore e comincia ad alternare le zampe, altro che ballare.
    Ricevo ogni volta la news letter dell'Oipa alla quale verso il 5 per mille. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se non lo sapevo,immaginavo qualche obrobrio del genere.
      Hai visto come torturano quel povero elefantino del video che ho suggerito?
      Il pungolo è elettrico, inoltre vengono "tosati" con la fiamma ossidrica.
      Lo racconta un domatore pentito, no io.
      Possiamo far finta che tutto ciò non ci riguarda, però esiste: quel cucciolo a testa in giù, proprio non riesco a dimenticarlo!
      Ciao, buona serata a te.

      Elimina
  18. Come ti capisco cara KEIKO e quanto ho lottato per tutti gli animali...
    Purtroppo ora lo posso fare molto meno per questioni di salute, ma sapessi il dolore che provo nel vedere certi orribili spettacoli...
    Una curiosità, ma sei iscritta al mio blog?
    Se non fosse così ne sarei onorata....
    Un abbraccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima Nella, a volte lo sconforto è più forte di qualsiasi cosa.
      Ho lasciato proprio ora un commento su Bowie,ho il tuo blog sui preferiti, ma adesso vengo ad iscrivermi:))
      Baci!!

      Elimina
  19. @ Nella
    Ho qualche problema con Google e non riesco ad iscrivermi.
    Continurò a provare, comunque ti ho tra i miei preferiti.
    Vengo spesso a trovarti:)))!!

    RispondiElimina
  20. ...ciao keiko...sono alla prima di un'opera in un bel teatro...naturalmente l'opera, anche se soltanto scritta suona lo stesso, ed è la tua accorata denuncia contro la libertà degli animali...la stupidità dell'uomo non ha limite, da una parte declama la libertà fino a immolare gratuitamente la propria vita, dall'altra, per quattro miseri soldi la toglie a specie animali colpevoli di non avere il dono della parola...come mettere in gabbia una persona muta...ma l'uomo non è soltanto stupido è anche malvagio, poiché è capace di cose peggiori...Dio non esiste!...è dentro a ognuno di noi...purtroppo i più hanno il diavolo...un caro saluto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono mille modi per essere malvagi: anche avendo le parvenze di un angelo ( o di un clown).....
      Un saluto

      Elimina
  21. Ciao Keiko, riguardo il promesso incontro con Zio Scriba (Nicola) per la presentazione del suo libro e dato che né lui e neppure io sappiamo come contattarti, ho fatto copia-incolla della sua mail.
    Se lo ritieni opportuno ti posso dare i miei recapiti telefonici tramite una mail.
    Un caro saluto,
    aldo.

    Carissime amiche e carissimi amici,
    questa è una "circolare" a tutti gli amici blogger romani.
    A tal proposito, vi chiedo di inoltrarla a coloro dei quali non ho il recapito (per esempio Keiko), a chi avessi dimenticato, o a quelli che non sapevo essere di Roma (il web è così extraterritoriale...) e infine a tutti quelli che potrebbero essere interessati a unirsi a noi pur vivendo altrove (come l'amica Nou, a cui ho già pensato io perché se n'era già parlato).

    Finalmente posso dare la notizia: la prima presentazione nazionale assoluta di QUATTRO SOLI A MOTORE sarà nella vostra città, alle 19.30 di giovedì 15 novembre presso la libreria Altroquando, in Via del Governo Vecchio 80!!
    Ci saremo io e Francesco Coscioni della Neo, che farà delle letture dal romanzo.

    Una cosa importante: siccome al termine potremmo dover subito partire per Pescara (possibile presentazione il 16, anche se non ancora confermata), nel caso in cui voleste/poteste organizzare una bella cena di blogger la mia proposta è di farla la sera prima (o a pranzo, come è meglio per voi), cioè mercoledì 14.
    Mi dispiace per il poco preavviso, ma più di così non potevo.
    Ah, se ci sarà la cena, tenetevi larghi con le prenotazioni, almeno un paio di posti in più: di sicuro ci sarà un mio compagno delle elementari e delle medie trasferitosi a Roma tanto tempo fa, che si occuperà di venire alla stazione e di ospitarmi.
    Ho messo gli indirizzi in Cc, cosa che di solito non si fa, perché possiate anche organizzarvi tra di voi, e capire meglio chi nella fretta ho dimenticato.

    Non mi sembra vero: a 45 anni riuscire finalmente a vedere una delle più magiche città del mondo, e soprattutto poter conoscere e abbracciare tanti (spero) di VOI!!!!
    A prestissimo!

    E scrivetemi pure a questo indirizzo mail per qualunque informazione vi serva!

    Nicola (Zio Scriba)

    RispondiElimina
  22. Carissimo Aldo, grazie 1000 per la tua gentilezza nell'informarmi.
    Ho risposto sul blog di Zio che il giorno 15 ho una gastroscopia(purtroppo) e anche volendo partecipare alla stupenda cena io non ho proprio nessuno che mi possa accompagnare visto che abito agli sprofondi.
    Ora vengo sul tuo blog e parliamo un attimo
    Baci:)

    RispondiElimina
  23. Ciao Keiko
    capisco la tua bimba ,anche a me facevano una gran tristezza gli animali del circo dentro quelle gabbie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una questione di sensibiltà e cultura: l'Italia non è ancora pronta.
      A presto:))

      Elimina