venerdì 16 novembre 2012

'A cunzegna

'A sera quanno 'o sole se nne trase
e dà 'a cunzegna a luna p' 'a nuttata,
lle dice dinto 'a recchia - "I' vaco 'a casa:
t'arraccumanno tutt' 'e nnammurate".




Lo so.
Ho detto che non sono romantica, che non mi piace
l'amore smielato, melenso ecc...
Ma ho bisogno di esorcizzare il post precedente e chi meglio del grande, immenso Principe De Curtis poteva farlo?!
Questa breve poesia, un pensiero direi, fa parte della raccolta 'A Livella; molti anni fa la ricopiai con una grafia simile a quella degli amanuensi e la incorniciai mettendola nel corridoio di casa. Non c'è più da molto tempo, però ho ritrovato il libro e questi versi struggenti mi aprono il cuore e mi regalano una, se pur breve, parentesi di serenità. Credo proprio che a nessuno serva la traduzione.
                                                                                                                   

17 commenti:

  1. E sì cara Keiko non vorrei apparire quello che non sono m, molto modestamente, l'avevo pensato che in realtà tu sei diciamo abbastanza romantica.
    Un caro saluto,
    aldo.

    ps. ieri sera tra i vari intervenuti e gli altri blogger ero il più vecchio di tutti e di molto, ma non importa perché mi son sentito più giovane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aldo, ce ne fossereo di"giovani" come te!!!
      In fondo, ma molto in fondo, ogni tanto anch'io ho bisogno di un po' di "melassa".
      Ti abbraccio, carissimo:))

      Elimina
  2. Io adoro "la Livella", secondo me dovrebbe essere affissa nelle classi scolastiche e negli uffici pubblici come monito contro le varie ruberie, egoismi e attaccamento materiale, in generale.
    ... altro che crocefissi

    BRAVA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo!
      Solo un grande uomo come Totò, che conosceva a fondo l'animo umano, poteva scrivere versi così semplici e forti allo stesso tempo.
      E poi amava le donne e l'amore.
      E questo amore si sente tutto.

      Elimina
  3. Un grande e spero che ti porti fortuna per quanto riveli nel post precedente. Qui in Francia si fa ancora l'anestesia totale. Un amichevole abbraccio ed un buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il grande Totò era un uomo estremamente propenso verso il prossimo: mio zio era il suo autista personale e lo descrive ancora come un gran signore, molto distinto e serissimo, quasi malinconico, che faceva fermare spesso l'auto per lasciare dei soldi ai barboni o prendere dalla strada i cani randagi.
      Un grande uomo, un eccezionale artista!!
      Ciao, buon w.e.:))

      Elimina
  4. Aveva tante doti il grande Totò, compresa la capacità di scrivere stupende poesie-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Versi,poesie, canzoni meravigliosamente belle.
      Malaffemmina docet.

      Elimina
  5. La Livella è una raccolta fantastica, davvero sottovalutata a livello di critica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero molto molto sottovalutata, come il suo autore del resto: fu spesso sbeffeggiato come attore e solo la sua morte lo consacrò.
      Come accade spesso.

      Elimina
  6. Questa poesia del grande Totò non la conoscevo, molto bella ed intensa. Incrocio le dita per i tuoi esami.
    Ciao buon fine settimana
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne sono alcune sconosciute e meravigliose che vale davvero la pena di leggere!!
      Tieni le dita incrociate mi raccomando:)))

      Elimina
  7. La livella era scritta a mano da mio padre dentro ad uno dei suoi libri. Quando ho dovuto sistemare la sua libreria mi è saltata fra le mani.. ed ora me l'hai ricordata un'altra volta.
    Il suo significato dovrebbe essere stampato in fronte a molti di noi... per non scordare che in questo mondo siamo davvero di passaggio.


    Da fastidio a qualcuno se siamo romantiche? .... peggio per lui.

    Un abbraccio
    Joh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me Totò possedeva quella rarissima capacità di dire l'essenza delle cose in un modo talmente alla portata di tutti che pochissimi altri poeti, anche di grande spessore, hanno mai avuto.
      Era ironico, dissacrante, romantico, tagliente e tutto con la giusta dose: mai una parola di troppo o fuori luogo.
      Amava l'amore.
      Conosci la sua poesia che inizia " 'A nnamurata mia se chiamma ammore...."
      Se hai la possibilità leggila: è stupenda!
      Ti abbraccio anch'io:))

      Elimina
  8. Grande , immenso ,unico e inimitabile...grazie Keiko cara di farci questi graditissimi regali...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione mia cara. Inimitabile!!!
      Nessuno ancora è riuscito ad eguagliare il suo estro artistico.
      Un abbraccio:))

      Elimina
  9. no non serve è bellissima così...

    RispondiElimina