giovedì 15 novembre 2012

Un tranquillo mercoledì di paura

Dunque, avevo un appuntamento per il 15 per un esame medico non molto divertente: gastroscopia.
Invece mi telefona la segretaria di reparto e  l'anticipa per il 14. Ieri.
Ho sempre pensato: beh.... se una ha partorito, che può capitare di peggio? Ora lo so.
A parte il digiuno totale, anche di liquidi, che sarebbe il meno visto il dolore assurdo che mi pervade da mesi, l'ansia mi è arrivata di botto alle 2,35 di notte. Ho aperto gli occhi e non li ho richiusi più.
Nei giorni precedenti ho visionato tutti i video di gastroscopia che ho trovato sul web e ognuno mi terrorrizzava più degli altri.
Come se non bastasse l'ospedale non garantisce più la sedazione profonda per mancanza di personale e di fondi, quindi sono stata costretta a scegliere la sedazione cosciente. Sembra un ossimoro.
Entro nella sala, praticamente spinta da un infermiere, i due medici sono giovanissimi anche se competenti e tranquilli, gli infermieri assistenti ottimi. Chiedo di darmi tutti i sedativi che hanno a disposizione e cominciano a ridere.
Mi metto il camice e mi giro sul fianco e il giovane medico dice ridendo." Ma quanti video s'è visti, che sa pure come si mette la testa?" Rispondo "Fate quello che dovete e alla svelta"
L'infermiera chiede, infilando l'ago cannula:" Dottore, quanto Minias?"
"Cinque" rispondo io
"Signora, abbattiamo un cavallo con cinque, gliene diamo 3 solo perchè è agitata"
" Guardi che a me 3mg non mi fanno un baffo. E poi saranno cavoli vostri"
Ridono tutti " Tranquilla, tra due minuti dormirà!"
Col cavolo!!!
Quell'enorme tubo nero ha esplorato tutto il mio digerente senza che nemmeno mi si chiudessero gli occhi
Ogni tanto dicevano" Ma non le gira le testa?"
Facevo No con la mano visto che avevo il boccaglio e l'ossigeno al naso.
Quando già l'infermiera stava togliendo il sensore al dito, quello collegato ai monitor e   riaccendevano le luci, ecco che i medici chiamano il professore e cominciano a parlare il medichese.
Rimettono il sensore, l'ossigeno e rinfilano l'orrido tubo nero per effettuare un numero abnorme di biopsie: sembrava che un granchio si stesse cibando delle mie viscere.
Dopo quella che è sembrata un'eternità mi estubano, mi coprono con un lenzuolo e mi portano in barella in una sala dove dovrei smaltire l'anestesia.
Guardo per una mezz'ora il soffitto, poi sento il "dottorino" che dice " Si è svegliata la signora?"
Rispondo da dietro il paravento " Guardi che la signora non ha mai dormito"
Entra ridendo " Mi sa che aveva ragione: 5 mg sarebbero andati bene e avrebbe sofferto di meno"
Gli ho risparmiato il "Glielo avevo detto!!!"
Piccolo particolare: c'è qualche problemino, solo la biopsia mi dirà quanto grave.
Tra un mese.
Sarà quasi Natale.
Speriamo bene.

30 commenti:

  1. Sembra la rappresentazione di una giornata tipo del mio ospedale dove ormai i presidi medico-chirurgici all'avanguardia stanno sparendo in cambio di altri meno costosi e certamente meno sicuri. Stanno ormai lesinando su tutto, a discapito dell'ammalato. Ma ormai veniamo chiamati "utenza" e gli ospedali si chiamano "Azienda Ospedaliera" .. AZIENDA!!! Capisci???

    Mi spiace per quello che ti sta capitando... se hai bisogno... fammelo sapere!
    Un abbraccio
    Joh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra le altre cose c'era anche uno sciopero di 4 ore del personale. Non ho capito quale personale, per fortuna non hanno lasciato il lavoro a metà.
      Sto parlando di uno dei più grandi e all'avanguardia ospedali di Roma: volevo solo un po' di sedazione vera.
      Pazienza.
      Ti abbraccio anch'io:))

      Elimina
  2. avendola fatta in sedazione locale e non avendo sentito nulla mi dispiace tanto per quello che ti è accaduto... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei fortunata a "prendere" l'anestesia.
      Ti abbraccio anch'io

      Elimina
  3. ma sai che è l'esame che temo di più anch'io?
    Possibile che non abbiano ancora inventato qualcosa di meno invasivo?
    Intanto io "raccomando" affinchè il tuo Natale sia sereno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è sempre di carattere politico: tolgono i fondi e quindi non c'è l'anestesista; e allora o sei fortunato e dormi con un po' di sedativo o, come me, te la fai da sveglio.
      Ti ringrazio per il tuo pensiero, so che è sincero:)))

      Elimina
  4. Cara Keiko, in bocca al lupo per l'esito, ti stringo in un abbraccio solidale. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara amica,
      ogni tanto un abbraccio fa bene al cuore:))

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Grazie cara, i pensieri positivi non sono mai troppi:))

      Elimina
  7. Mi hai fatto tornare in mente i tanti miei ricoveri senza e con anestesia quando si è trattato di vari interventi chirurgici.
    Da tre anni dovevo tornarci tra le grinfie del chirurgo ma al solo pensiero sto ancora fuggendo.
    Sei una guerriera e medici e paramedici se ne sono accorti, tranquilla non può che andare bene tutto.
    Poi ci siamo noi che facciamo il tifo per te e ti sembra poco?
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E come farei senza di voi?!!
      Specialmente senza i tuoi immancabili pensieri!!
      Un abbraccio:)))

      Elimina
  8. Anch'io ho fatto questo esame e solo con lo spray che ti spruzzano in gola. Purtroppo può essere fastidioso e la sensazione non è piacevole.
    Un abbraccio di solidarietà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cavaliere,
      Grazie del passaggio e del pensiero:))

      Elimina
  9. Aspettiamo insieme il natale Keiko, con la voglia di brindare e festeggiare le buone notizie!
    Un bacio amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao mia cara, si aspettiamo Natale e poi brinderemo virtualmente insieme!!
      Bacio:)))

      Elimina
  10. Keiko cara, sapessi come purtroppo anch'io sono abituata agli ospedali, ma devo dire che la gastroscopia mi manca( per fortuna ) ma ho dato altro, non ti allarmare....
    Sei stata coraggiosa , avendo un padre medico , ho accompagnato altri a farla e ti posso dire che non hanno avuto il tuo stesso spirito!!!
    In bocca al lupo amica mia...
    PS= ti sei iscritta al mio blog? ci terrei tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao mia cara, vorrei tanto essere coraggiosa ma non lo sono.
      Lo spirito cerchiamo di tenerlo alto:))

      Crepi il lupo!!

      P.S.
      L'hai vista la mia tigretta tra i tuoi follower?
      Sono lì con te!
      Baci:)

      Elimina
  11. Gli unici interventi invasivi che ricordo sono: la tonsillectomia, addormentato totale, con mascherina, mi pare con perossido di azoto; molti anni dopo, per togliere un molare malandato, sono andato in ospedale da un bravissimo infermiere amico, di nuovo anestesia totale col sempre sia benedetto perossido di azoto. In seguito, per cure sempre alla dentatura, al dentista chiedevo l'anestesia anche solo per aprire la bocca; regolarmente rifiutata, e quasi ogni volta si trovava fra le braccia un gatto collassato.
    Però era diplomatico, per non dire che ero un grandissimo fifone, diceva che ero "estremamente sensibile".
    La 'gastro' non l'ho mai fatta, a sentire la moglie era una stupidaggine, ne avrà fatte una decina, e all'uscita dall'ambulatorio era pimpante come all'entrata.
    Per l'esito della tua: andrà tutto bene, sarà negativa; con tutti noi a sostenerti voglio vedere se avrà il coraggio di essere positiva.
    Sarà un Natale coi fiocchi, ci puoi giurare.
    Ciao, un abbraccio solidale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se puoi di a tua moglie che io l'ammiro incondizionatamente per il suo coraggio!!
      Si vede che ultimamente sono una tigre un po' fetecchia( una sola per capirci), o forse "noi" felini siamo tutto fumo e niente arrosto.
      Grazie per l'incoraggiamento:)))

      Elimina
  12. Nicola Pezzoli = Zio Scriba che ieri 15 novembre ha presentato qui a Roma il suo secondo romanzo QUATTRO SOLI A MOTORE ti ringrazia per i tuoi saluti molto graditi.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aldo,
      ringrazia Nicola da parte mia per il suo pensiero!!
      Un abbraccio ad entrambi:))

      Elimina
  13. Risposte
    1. Ciao,
      grazie per il saluto e l'abbraccio che contracambio:))

      Elimina
  14. Questo post mi era sfuggito Keiko. Non so perché non mi è comparso tra i tuoi aggiornamenti. Ti mando un abbraccio grande anche se ritardatario e .. non ti preoccupare, vedrai che va tutto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao amichetta mia!
      Gli abbracci, come ho detto, in questo momento non sono mai abbastanza.
      Ben venga anche il tuo:))!!

      Elimina
  15. Pure io l'ho fatta e per me non è stato tremendo.. a parte un paio di conati, il resto è andato liscio. Anche il responso è stato buono come lo sarà per te!
    Ti mando tanta energia positiva, tutta concentrata dov'è il "problema"...

    Un grande abbraccio... dei miei!
    Ti sono vicina, sempre!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sento già un calore spandersi proprio lì!
      Deve essere certamente la tua energia positiva:))
      Ti abbraccio anch'io e lo so che mi sei vicina!!
      Bacio:)

      Elimina
  16. Andrà tutto bene, prego per te...E poi hai la pellaccia durissima!
    Ti abbraccio

    RispondiElimina