martedì 11 dicembre 2012

Lupo solitario

C'è poco da dire o da disquisire.
Non assomiglio per niente a tutte le persone che 
conosco, specialmente alle donne. Sono ruvida, dura e fragile allo stesso tempo; difficilissimo trovare persone disposte a spendere una parola gentile sul mio conto, al contrario cerco sempre di equilibrare le situazioni instabili che si possono verificare. Non ricordo alcuno che abbia fatto altrettanto per me.
Sono un po' come il Grinch, non amo particolarmente il Natale e tutte le feste in genere; preferirei festeggiare un giorno qualunque del calendario con una bella passeggiata in un bosco profumato di resina e un pranzo frugale in rifugio sperduto. Non mi faccio sconti, sono consapevole della mia imperfezione, ma uso l'indulgenza per quasi tutti: prima m'infurio come una iena e poi comincio a pensare che forse è tutta colpa mia, del mio caratteraccio.
" L'indole è innata, il carattere si modifica" Impressa nella mia mente una delle prime lezioni di psicologia che mi venne impartita ai tempi delle superiori; quindi la mia indole iscritta nel DNA è quella di un lupo, possibilmente solitario.
Poi mi capita di leggere autori che non conoscevo e pensare che quello che sto leggendo forse è uscito dalla mia penna senza che me ne accorgessi.

Sono molto più paziente con gli altri di quanto lo sia con me stessa, e mi è molto più facile tirar fuori i lati positivi nelle cose degli altri che non nelle mie. Sono un tipo così. È un po’ come essere quella superficie ruvida su una scatola di fiammiferi. Il che mi sta benissimo, intendiamoci.
Meglio essere una scatola di prima qualità che un fiammifero scadente.
Haruki Murakami

E allora basta poco a farmi tornare il sorriso: Haruki l'aveva capito bene quello che si sente dentro e capace di scrivere come pochi, è riuscita a trovare le parole giuste per mettere questa sensazione nero su bianco.
Niente fiammiferi scadenti per questo lupaccio: io resto qui, ad osservare dietro i grossi alberi, i fiammiferi scadenti che bruciano in fretta.

27 commenti:

  1. eppure malgrado la tua autoanalisi con questo post hai trasmesso tanto calore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono malvagia come il lupo di Cappuccetto, sono solo in cerca di pace e tranquillità.
      Ciao mia cara:))

      Elimina
  2. Murakami è uno dei miei scrittori preferiti. ;-)

    Nemmeno io amo particolarmente il Natale, mi mette ansia la frenesia che percepisco nella gente, l'affannarsi per i regali, per il cenone, la gente che va all'assalto dei supermarket come se non ci fosse un domani.

    Io comunque non ti percepisco né ruvida e né dura, solo sincera, diretta, schietta. Il problema è che spesse volte la schiettezza viene scambiata per durezza. Perché la gente cerca accondiscendenza, complimenti anche fasulli, preferisce crogiolarsi in tiepide illusioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua analisi è perfetta: preferiscono il sorrisino, sentirsi dire quanto sono bravi e belli e sapessi quanto gli piace compatirmi per il mio essere "diversa"
      Ma non possono capire.
      Per fortuna.
      Bacio:))

      Elimina
  3. I lupi sono magnifici. Quando mi capita di osservare qualche documentario mi accorgo di avvertire un senso di trasporto verso di loro davvero inusuale. Ma sono esseri che per lo più vivono in branco. Pochi sono gli esemplari di veri e propri "lupi solitari". Non sono aggressivi... ma per difendere il territorio e la propria famiglia farebbero di tutto! Come non comprenderli?
    Dolci ed aggressivi.... cosa c'è di meglio?
    :o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farei tutto e anche di più per proteggere i miei cuccioli.
      Poi devo assolutamente tornare alla mia solitudine.
      Non è una condanna, è una scelta che pochissimi possono compredere.
      Tu sei una di quei pochi.
      Ti abbraccio:))

      Elimina
    2. Lo sai che sono nata a Roma 51 anni fa anche se "per caso"?? ;o)

      Un abbraccio e... grazie
      Joh

      Elimina
    3. Anche io sono nata a Roma( non è colpa mia!) 50 anni fa!!!
      Magari le nostre strade si sono anche incrociate....chi lo sa.
      Forse è per questo che c'è una forte affinità.

      P.S.
      Il tuo racconto va alla grande!!!
      Spero che superi la prima in classifica e vinci tu.
      Ne sarei felicissima:))
      Baci

      Elimina
    4. Grazie!!! E' che ho tanti amici! ;o))))

      Joh

      Elimina
  4. Viene da "Norwegian Wood" vero? Ormai io Murakami lo conosco praticamente a memoria :)
    Non sto a dirti che anche io mi sento spesso come te. E come mi piacerebbe festeggiare davvero a modo tuo questa festa che ormai ha perso qualsiasi connotazione spirituale, e lo dico io che non sono cattolica praticante!
    E comunque è un bene che ti infuri come una jena, perché io invece tendo a tenermi tutto dentro e non fa certo bene.
    Un bacione scatulìn :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando "mi parte la brocca" le iene scappano.
      Ma tanto non cambia mai niente e il lupo si allontana ancora un po'.
      Ti abbraccio forte:))

      Elimina
  5. Murakami nello stesso libro scrive: "Ho sempre avuto fame di affetto, io. E mi sarebbe bastato riceverne a piene mani anche solo una volta. Abbastanza da dire: grazie, sono piena, più di così non ce la faccio".
    Un vero lupo solitario non sta ad osservare la vita degli altri che brucia in fretta, non gli interessa perché è occupato a vivere la sua.
    Un abbraccio Keiko!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono rintanata quando ho visto che il branco giudicava la mia esistenza, mentre io ero intenta a perseguire la mia strada.
      Brutta cosa il branco: conosco persone che si consultano persino per votare o scegliere il taglio di capelli.
      Preferisco la mia libertà di essere diversa.
      Ti abbraccio ancora più forte:))

      Elimina
  6. bellissime le parole di Murakami,lo adoro!il Natale?un incubo...quest'anno nn so nemmeno se farò l'albero.
    Questo è il periodo dell'anno che proprio nn sopporto,e quando lo dico mi guardano come fossi un'aliena,ma chissenefrega!
    Baci,
    S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco questa sensazione.
      Aliena, scontrosa, persino cittadina di San Marino mi hanno detto.
      Ma io resto lì, in mezzo ai miei boschi!!
      Ciao, bacio:)

      Elimina
  7. Credo di far parte di quel gruppo di persone felicemente "disposte a spendere una parola gentile sul tuo conto" e non una sola. Forse non so esprimermi bene ma l'ho pensato subito quando sei capitata dalle mie parti, nel blog.
    Vogliti bene come penso che chi passa da te lo vuole.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci hai visto bene da subito: vecchio volpone!!!!( in senso di battuta ovviamente:)))
      Siamo una bella coppietta io e te: tu un volpone e io un lupo guardingo......troveremo un ingenuo Pinocchio sulla nostra strada?!!
      Ciao mio caro, un abbraccio:))

      Elimina
  8. E' facile a dirsi, ma leggendoti , mi sembra di vedermi sulla vecchia carta carbone...
    Un lupo solitario, animale che adoro, perso volutamente nell'odore del bosco, lontano dalla pazza folla del Natale o Feste obbligate...
    Incomincio a contare i cerini bruciati....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei figli mi chiamano Grinch: pensa quanto mi piacciono le feste.
      Io guardo gli altri, li lascio correre, comprare, mettersi i cappellini in testa, suonare le trombette e poi ritorno nella mia tana.
      Ciao mia cara:))

      Elimina
  9. L'importante, come ogni lupo sa, è trovare un bel branco, piccolo ma caloroso, con cui difendersi e dividere il frutto della caccia... E nondimeno, ogni tanto i lupi scendono a valle ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso dire " mi piacerebbe", perchè proprio non mi ci vedo nel branco, seppur piccolo.
      Già la mia famiglia è più che sufficiente.
      Potrei scendere a valle ogni tanto..... quando sono affamato.
      Ciao:))

      Elimina
  10. "io resto qui, ad osservare dietro i grossi alberi, i fiammiferi scadenti che bruciano in fretta."

    che bella immagine ... L'immagine di Te , con i bellissimi occhi di un lupo solitario
    Io Ti ci vedo ... sì Ti vedo così , anche se non ti conosco , io credo che Tu sia un bellissimo lupo solitario : )
    e ... vorrei io , non essere un fiammifero scadente che brucia in fretta
    : )
    Ciao Antonella ... un abbraccio
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei assolutamente un fiammifero scadente: i tuoi post mi rasserenano moltissimo.
      Sono io che sono così ruvida e tutto sommato, non mi dispiace.
      Baci:))!!

      Elimina
  11. Risposte
    1. E' solo carattere, anzi caratteraccio.
      Bacio:))

      Elimina
  12. te la copio la citazione, piccola, grande donna:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei veggente?
      Come fai a sapere che sono una gnappa ( piccoletta)?
      Forse sei un po' strega anche tu, altrimenti non si potrebbe spiegare la sintonia che intercorre tra noi.
      Ti abbraccio:)

      Elimina