giovedì 24 gennaio 2013

L'oscurità interiore

Non c’è presa di coscienza senza sofferenza. In tutto il mondo la gente arriva ai limiti dell’assurdo per evitare di confrontarsi con la propria anima.
Non si raggiunge l’illuminazione immaginando figure di luce, ma portando alla coscienza l’oscurità interiore.
Chi guarda fuori sogna, chi guarda dentro si sveglia.
Carl Gustav Jung


Si può fuggire da tutto, ma mai da se stessi.
Ci svegliamo e i nostri incubi svaniscono, pronti a farsi avanti nell'ora delle tenebre. Possiamo scappare, fingere che quel sorriso a 32 denti rappresenti davvero la nostra realtà, ma in fondo, nei recessi più profondi sappiamo benissimo chi c'è ad aspettarci: ci siamo noi.
Inermi, eppure fortissimi; disarmati eppure pericolosi.
Niente è più spietato e pericoloso della nostra anima.
Possiamo essere capaci di inventarci una vita finta o virtuale pur di non ascoltare quella voce che viene dal di dentro che ci sussurra di non temere, che la notte soli con noi stessi non sarà poi così pericolosa, che i nostri ricordi più lontani e volutamente dimenticati, ci hanno reso le persone che siamo ora.
Se ci guardassimo davvero dentro, ci sorprenderemmo dell'infinità vastità che troveremmo: moltitudini di facce e nomi che nel tempo hanno perso importanza, singoli ricordi che il tempo l'hanno fermato per sempre in quell'attimo, parole che hanno inciso l'anima fino a graffiarla e silenzi che l'hanno spezzata come un ramo colmo di pesanti boccioli.
Se le opinioni degli altri ci riguardassero meno, se non fossimo così influenzati dall'opinione altrui, se fossimo meno attenti a giudicare solo gli altri e mai noi stessi.
Il buio in noi esiste.
Non bisogna ignorarlo e tantomeno temerlo.
Tuffiamoci nella sua oscurità.
E' l'unico modo per tenerla a bada.

21 commenti:

  1. Keiko siamo telepatiche. Ormai ne ho la certezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gemelle diverse e telepatiche.....mica male!!!!
      Ti abbraccio:)))

      Elimina
  2. Commento con un pirandelliano "ognuno di noi ha una propria maschera".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una maschera che a volte si appiccica alla nostra pelle impedendo al prossimo e al nostro specchio di conoscerci e riconoscerci.

      Elimina
  3. Replico dicendoti che se non ci fosse il buio la luce non avrebbe ragione di esistere. E' vero, infatti, che dove c'è l'uno c'è l'altra e dobbiamo imparare a conoscere tutto di noi.
    Un grande abbraccio
    Joh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si.
      Senza paura di guardare in fondo al buoio che ogni tanto ci avvolge.
      Bacio:))

      Elimina
  4. felice di aver conosciuto la mia Lilith... è come se avessi completato la conoscenza di me stessa

    Credo sia un percorso necessario conoscere il proprio lato oscuro, senza scuse ed ipocrisie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' necessario sprofondare nell'abisso, lasciarsi avvolgere senza paura e ipocrisia.
      Se ne esce fuori migliori

      Elimina
  5. In tutti noi c'è sempre un rovescio della medaglia, è meglio affrontarlo subito, conoscerlo e accettarlo piuttosto che fingere che non esista.
    Mi piace il tuo post, brava!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una grande sfida la nostra parte oscura.
      Ciao Melinda
      un abbraccio:))

      Elimina
  6. "pur di non ascoltare quella voce che viene dal di dentro che ci sussurra di non temere, che la notte soli con noi stessi non sarà poi così pericolosa", alle volte l'unica voce che riusciamo a sentire è di disperazione, di solitudine, di incapacità a -bastarsi- ad amarsi, e desideriamo... un po di pace, di oblio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio quando ci parla la nostra essenza, è anche il momento in cui siamo più soli.
      Per me la notte è pace, oblio dal mondo: il giorno rappresenta una lunga lotta.
      Ciao, a presto:))

      Elimina
  7. Post interessante e che fa pensare ma io, che sono più fuori di un balcone, leggendolo mi sono sentito uno Jedi che combatte il lato oscuro della Forza (Star Wars) (°_°)
    Ciao buona giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faremo un bel duello: Luke Skywalker contro Dart Fener.
      Decidi tu la data.
      Ciao Enrico, un abbraccio:))

      Elimina
  8. Guardare in faccia se stessi fa paura, l'io interiore sa essere spietato.
    ciao
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più spietato di qualunque nemico, perchè conosce le nostre debolezze.
      Ciao:))

      Elimina
  9. La notte che c'è in noi è la sfida più grande da affrontare: solo chi ha un grande amore e un grande coraggio può uscirne vincitore.
    Complimenti per il tuo bel post,
    Beatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il lato oscuro vive con noi, l'importante saperlo gestire.
      Ciao Beatrice:)))

      Elimina
    2. Cara, se vuoi passare da me ti ho preparato un piccolo regalo sperando di farti piacere.
      Ancora un abbraccio!!!

      Elimina
  10. Ciao Keiko, ho letto il tuo post con attenzione mi sento di dirti che in noi c'è sempre l'oscurità, secondo me il trucco per conviverci bene è trovare una persona che ti aiuti a uscirne quando ti sta inghiottendo.
    Un abbraccio
    Matilda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te.
      A trovarla 'sta persona.....
      Ciao:))

      Elimina