martedì 12 febbraio 2013

Una casa segreta ovvero "Ma cosa è successo agli uomini?"

Quella donna è  una casa segreta.
Nei suoi meandri, conserva voci
e nasconde fantasmi.
Nelle notti d'inverno riscalda.
Chi entra in lei, dicono, non ne esce mai più.
Io attraversai
il profondo fossato che la circonda.
In quella casa verrò abitato.
In lei mi aspetta il vino che mi berrà.
Molto dolcemente busso alla porta
e aspetto.

Eduardo Galeno 



Uso come preambolo questa bellissima poesia: tutte noi donne vorremmo essere percepite in questa ottica dagli uomini. Un focolare caldo, una dolce malia, meandri da scoprire e altri da lasciare inesplorati. E invece cosa vedo: donne sgozzate, prese a martellate, stuprate, acidificate, colpite a picconate e poi arse con un bambino in pancia, il bambino dell'assassino.
Cosa sta succedendo agli uomini. Si sentono così fragili che il solo pensiero di essere lasciati li trasforma nei più efferati mostri; così meschini da coabitare in casa con l'amante, forti della loro violenza e della ridotta autosufficenza della moglie, per poi disfarsene come un rifiuto da  distruggere. Le sotterrano, le murano, le gettano in pozzi, simulano raffazzonati suicidi, le buttano in acqua per disperdere le tracce e spesso sono appoggiati dai famigliari.
Da cosa deriva questa crudeltà, questa violenza, questa insicurezza. Che il ruolo maschile sia cambiato è innegabile, come è cambiato quello femminile; ma sembra che loro non siano riusciti ad adattarsi a quello che per decenni è stato il ruolo femminile: sottomesso, sottoposto, il sesso debole.
E per riappropiarsi della perduta potenza, si erge a giustiziere.
Uccide chi non l'ama più, uccide chi ancora lo ama mentre lui ne ha scelto un'altra, uccide perchè ha paura che un domani la sua donna si stanchi di lui, uccide perchè è geloso, uccide perchè lei è gelosa.
Io non sono capace di capire, tantomeno di spiegare; ma vorrei essere percepita come una calda  e misteriosa casa accogliente, pronta ad offrire un vino dolce e inebriante; con i miei segreti da lasciar scoprire e quelli che nessuno scoprirà mai.



13 commenti:

  1. A mio parere non molto è cambiato rispetto agli anni passati ed alla passato in genere nei confronti delle donne.
    Io, ad essere sincera, non mi sento una misteriosa casa accogliente piuttosto vorrei poter far parte dello stesso gruppo di case dove il mio vicino possa essere accogliente quanto me ;o)

    Un grande abbraccio
    Joh

    RispondiElimina
  2. il femminicidio è solo la messa in pubblico di un comportamento machista e fascista che si perpetra da anni nel nostro paese e anche in altri Stati del mondo.
    Finchè la società si reggerà sul primato maschile, perchè è inutile dire che non è così, ogni uomo si sentirà in dovere di gestire come vuole della vita di una donna in quanto considerata "oggetto inferiore".
    Abbiamo una durissima battaglia da combattere.
    Un saluto

    RispondiElimina
  3. Invito - italiano
    Io sono brasiliano.
    Dedicato alla lettura di qui, e visitare il suo blog.
    ho anche uno, soltanto molto più semplice.
    'm vi invita a farmi visita, e, se possibile seguire insieme per loro e con loro. Mi è sempre piaciuto scrivere, esporre e condividere le mie idee con le persone, a prescindere dalla classe sociale, credo religioso, l'orientamento sessuale, o, di Razza.
    Per me, ciò che il nostro interesse è lo scambio di idee, e, pensieri.
    'm lì nel mio Grullo spazio, in attesa per voi.
    E sto già seguendo il tuo blog.
    Forza, pace, amicizia e felicità
    Per te, un abbraccio dal Brasile.
    www.josemariacosta.com

    RispondiElimina
  4. Sono nata, cresciuta e sono tuttora una femminista, il comportamento di certi uomini mi fa intristire e indignare perchè senza rispetto non può esistere una società civile e men che meno si può parlare di diritti e di evoluzione morale.
    Un bellissimo post, complimenti, un saluto
    Beatrice

    RispondiElimina
  5. Proprio così,i ruoli sono cambiali sia quello maschile - in peggio anzi in mostruoso - sia quwllo femminile finalmente non più sesso debole.
    Mi auguro che non tutti i maschietti siano cambiati.
    Post intelligente e non per adulare.
    Ciao,
    aldo.

    RispondiElimina
  6. I maschi non possono cambiare finchè esisterà nella società la convinzione che essere maschi è un non plus ultra: pensiamoci, anche nelle migliori famiglie il figlio maschio è quello che sta sul piedistallo, c'è da stupirsi poi se accadono queste cose?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. bellissimo post che condivido in pieno...sai che te lo ruberò vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata!!!!
      E' tuo, prendilo!
      Ti abbraccio forte:))

      Elimina
  8. Nulla da dire sulla fragilità del "sesso forte" e dei suoi comportamenti sempre più permeati "forza" l'unico modo di aver ragione se non ce l'hai.

    Mi incuriosisce molto la definizione di donna-casa in cui ti riconosci; sento "troppa passività" in questa bellissima poesia.

    Sarebbe bello sapere quante donne condividono il desiderio di sentirsi " una calda e misteriosa casa accogliente, pronta ad offrire un vino dolce e inebriante; con i miei segreti da lasciar scoprire e quelli che nessuno scoprirà mai."

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non dispiace.
      Almeno nel modo in cui il poeta lo propone.
      Ciao:))

      Elimina
  9. anche a me sta a cuore molto questo tema!!!
    Ho trovato un post interessante sull'argomento qui:

    http://costanzamiriano.com/2013/01/11/quinto-non-uccidere/

    Non sono completamente d'accordo con l'autrice, però, poichè ritengo che più che il sesso in questi omicidi sia importante il cuore, ed un malinteso concetto dell'amore!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. ....con la rivoluzione sessuale la donna ha preso coscienza di sé, e questo ha spiazzato colui che pensava di sapere tutto, di essere la forza in ogni dove, di essere come un Zeus sulla terra, quando invece non sapeva si essere un normale e a volte un grezzo individuo, che non capiva l'importanza del ruolo femminile nella vita di tutti i giorni...e a mio avviso, oggi è ancora al tempo che più non gli appartiene...ciao Keiko, post attualissimo, sul quale sarebbe necessario aprire una tavola rotonda....

    RispondiElimina
  11. Concordo con le tue perplessità. Mi permetto di aggiungere che non credo che un simile atteggiamento sia solo frutto di un lampo di pazzia in una mente equilibrata, per cui, a volte, se anche le donne mettessero più attenzione nella scelta...

    RispondiElimina