mercoledì 6 marzo 2013

In piedi signori!



 E come sempre, tra pochissimi giorni, riecco la consumistica Festa delle donne farsi avanti rivestita di gialli fiori di mimosa e banalissimi baci di ciocccolata. E poi  pizzerie strapiene di donne esaltate tutte in tiro e quelle più ardite andranno a vedere qualche spogliarello maschile, che ci sta pure, ma non bisognerebbe aspettare proprio l'8 marzo perchè poi si veste di una connotazione diversa, un'aspetto poco ludico e troppo  di sopraffazione. Insomma, questa festa non mi piace o almeno non mi piace l'aspetto  consumistico e stereotipato: la pizza la mangio quando mi va' e se ho voglia di vedere qualche fustaccio non devo necessariamente aspettare questo giorno che in realtà ricorda una tragedia.Ma ovviamente questa è solo una mia considerazione del tutto personale che non ha nessuna intenzione di fare degli adepti. Di santoni e predicatori ce ne sono già troppi.
Sul blog di Enrico Zio " Amici in allegria" ho trovato questi incredibili  versi, la prima parte viene attribuita a  Shakespeare,dei versi seguenti non ce ne è certezza. Bene, chiunque l'abbia scritta conosceva a fondo l'animo femminile,o almeno il mio. Forte, a dispetto di chiunque la voglia vedere o credere debole.





In piedi signori!
 Per tutte le violenze consumate su di Lei,
per tutte le umiliazioni,
per la sua intelligenza che avete calpestato,
per il suo corpo che avete sfruttato,
per l'ignoranza in cui l'avete lasciata,
per la libertà che le avete negato,
per la bocca che le avete tappato,
per le ali che le avete tagliato,
per tutto questo:….
In piedi signori.
E non bastasse questo, inchinatevi ogni volta che vi guarda l'anima,
perché Lei la sa vedere,
perché Lei sa farla cantare.
In piedi, Signori, ogni volta che vi accarezza una mano,
ogni volta che vi asciuga le lacrime come foste i suoi figli,
e quando vi aspetta, anche se Lei vorrebbe correre.
In piedi, sempre in piedi, miei Signori,
quando entra nella stanza e suona l'amore
e quando vi nasconde il dolore e la solitudine
e il bisogno terribile di essere amata.
Non provate ad allungare la vostra mano per aiutarla
quando Lei crolla sotto il peso del mondo
Non ha bisogno della vostra compassione.
Ha bisogno che voi vi sediate in terra vicino a Lei
e che aspettiate che il cuore calmi il battito, che la paura scompaia,
che tutto il mondo riprenda a girare tranquillo.
E sarà sempre Lei ad alzarsi per prima
e a darvi la mano per tirarvi su
in modo da avvicinarvi al cielo,
in quel cielo alto dove la sua anima vive
e da dove,
Signori,
non la strapperete mai.



32 commenti:

  1. Personalmente ritengo che la nostra festa debba essere celebrata ogni giorno, ricordando tutte le donne che vengono maltrattate, violentate, uccise e denigrate ogni giorno: sbatterei le loro foto e i loro nomi in faccia a questi signori "uomini" che uomini sono sono!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Festeggiamo pure, se vogliamo; ma ricordiamoci che l'intento di questo giorno è un altro.
      Baciobacio

      Elimina
  2. Non è mia abitudine fare l'adepto, il santone o il predicatore, non l'ho mai fatto e neppure lo farò ma volevo precisare ancora una volta come ho scritto in vari commenti e credo tempo fa anche in quello ad un tuo post, che ho un'ammirazione particolare per le donne ma non solo per quello che appaiono esteriormente ma per quello invece che sanno dimostrare per il loro essere e per la loro intelligenza superiore a quella di noi maschietti.
    Riprendo fiato in quanto ho scritto senza fare alcuna pausa, scusa.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendi fiato Aldo, per carità:))
      Io non credo che si tratti di superiorità, ma di una tenerezza che riesce a diventare forza.
      Non mi chiedere come, non lo so.
      Un abbraccio:))

      Elimina
  3. Sono d'accordo con te nel ritenere "triste" il modo in cui si festeggia...mentre "triste" è la vera ricorrenza!

    Tutti in piedi quindi...per prime le stesse donne che aspettano questo giorno per ..."festeggiarsi"... forse capirebbero che loro sono parte di "quella donna" nel canto descritta!

    Ciao...mi alzo in piedi nel salutare e così mi troveranno tutte le donne che passerano di qui a leggerti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello il tuo commento!
      Spero che fosse chiaro per tutti che "la donna" del canto siamo tutte noi.
      Almeno io l'ho interpretata così.
      Ciao :))

      Elimina
    2. Certo era proprio quello che volevo intendere! e anch'io spero che sia chiaro!
      Ciao.

      Elimina
    3. E allora siamo stati chiarissimi.....:)))

      P.S.
      Ancora complimenti per la tua poesia NON HAI NON HAI
      Non riesco a togliermela dalla testa......
      Bravissimo!

      Elimina
  4. in quel cielo alto dove la sua anima vive
    e da dove,
    Signori,
    non la strapperete mai.

    Bellissimo. Dovremmo ricordarcene ogni giorno cara.
    Un bacio grande
    (sono io, mi riconosci vero? la tua amica di penna!)

    RispondiElimina
  5. Valeria!!!!
    Che regalo grande mi hai fatto!!!
    Poi mi dirai dove ti trovi?
    Non sai quanto mi fa sentire bene la tua vicinanza:))
    A prestissimo allora:))

    RispondiElimina
  6. Bella, a me ha colpito molto questa parte:

    "Non ha bisogno della vostra compassione.
    Ha bisogno che voi vi sediate in terra vicino a Lei
    e che aspettiate che il cuore calmi il battito, che la paura scompaia,
    che tutto il mondo riprenda a girare tranquillo."

    Un gesto di rispetto, di ammirazione, di amore... in piedi anch'io. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la parte che anch'io preferisco e sento molto vicina al mio essere.
      Ciao, a presto:))

      Elimina
  7. "E non bastasse questo, inchinatevi ogni volta che vi guarda l'anima,
    perché Lei la sa vedere" e sa perdonare dote che i maschi non hanno.
    Un abbraccio grande grande :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so chi l'abbia scritta questa poesia, ma devo dire che l'autore conosce l'animo umano come pochi!
      Ciao, un grande abbraccio:))

      Elimina
  8. Che dire se non che hai ragione? Figurati che io la sera dell'8 marzo la passerò partecipando ad una assemblea condominiale! Che amministratore (uomo) idiota!
    La pizza però me la vado a mangiare sabato sera con le mie amichette.
    Baciobacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non sarà più bello sabato?
      Bacio:))

      Elimina
  9. Questi versi riescono veramente ad emozionare. Come sai li conoscevo già :-)
    Grazie per aver citato il mio blog .
    Un amichevole abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  10. Questi versi riescono veramente ad emozionare. Come sai li conoscevo già :-)
    Grazie per aver citato il mio blog .
    Un amichevole abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averli postati :))

      Elimina
  11. Una poesia bellissima, perfetta per quest'occasione.
    Spesso mi chiedo dove sono finiti e cosa ci hanno lasciato gli anni in cui sfilavo nei cortei insieme alle altre donne che protestavano per avere i giusti diritti che ci hanno sempre negato.
    Sono finiti nell'assurda violenza che oggi si perpetra ancora contro di noi, segno che l'uomo non ha ancora capito niente.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve necessariamente essere successo qualcosa dopo gli anni'70 che ha cambiato tutta la prospettiva.
      Ma non riesco a capire quando e perchè.
      Un caro saluto

      Elimina
  12. La parte maschile del gruppo Jene si vergogna profondamente di certi comportamenti che alcuni maschi si sentono in dovere di assumere verso le donne.
    Certo è che anche il silenzio delle donne non aiuta.
    Bisogna che entrambe le parti agiscano per migliorarsi e si vengano incontro pacificamente.
    Un abbraccio zamposo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto.
      Però in alcuni popoli o culture a molte donne non è concesso nemmeno il dono della parola.
      E' un lavoro lungo, ci sarebbe da lavorare molto.
      Un abbraccio

      Elimina
  13. non sono solo parole ma come stanno le cose ora...
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo si, è così.
      E non pensiamo solo al nostro paese, ma anche quelli dove le donne sono veramente poco più di un oggetto.
      Ciao, a presto

      Elimina
  14. C'è un pensiero di Madre Teresa che ho dedicato alle amiche si FB... visto che non ci sei tra i miei contatti, te lo lascio qua!

    Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
    i capelli diventano bianchi,
    i giorni si trasformano in anni...
    Però ciò che è importante non cambia;
    la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
    Il tuo spirito è a colla di qualsiasi tela di ragno.
    Dietro ogni linea di arrivo c'è una linea di partenza.
    Dietro ogni successo c'è un'altra delusione.
    Fino a quando sei viva, sentiti viva.
    Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.
    Non vivere di foto ingiallite...
    insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
    Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c'è in te.
    Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.
    Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.
    Quando non potrai camminare veloce, cammina.
    Quando non potrai camminare, usa il bastone.
    Però non trattenerti mai!

    Madre Teresa di Calcutta

    La foto che ho messo è la stessa che c'è nel mio blog; la prima in alto a sinistra...
    Ok, direi che c'è tutto!!

    Co tanto tanto affetto.. GRAZIE di tutto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!!
      Non ho fb, ma ho apprezzato tantissimo le parole di una grandissima piccola donna!
      La foto è meravigliosa: ma che le importa alla bella signora delle rughe e dei capelli bianchi quando il suo viso è così sereno?!
      Grazie mia cara, un grandissimo abbraccio:)))

      Elimina
    2. Infatti la scelta non è stata casuale.. avessi dovuto conoscerla... una persona straordinaria!! Le rughe erano l'ultimo dei suoi pensieri!!

      Grazie ancora di tutto!!
      Bacio!

      Elimina
  15. Veramente bella questa poesia,
    A me la festa della donna non mi piace ,non mi è mai piaciuto il modo in cui viene presentata dai media e come viene festeggiata da diverse donne e tra l'altro nemmeno tanto giovani .
    E' una fonte di guadagno per fioristi e locali pubblici sicuramente.

    Ciao ,un abbraccio

    RispondiElimina
  16. ...nel bene e nel male la donna è il fulcro che ravviva la vita e agita il mondo...un giorno, molti anni fa, non so in quale mostra o museo o chiesa, vidi un quadro che m'impressionò a tal punto che ancora oggi lo vedo a occhi chiusi: esso rappresentava una madonna senza aureola che porgeva il suo seno a un vecchio e canuto uomo stremato dalla fame. Mi commossi e a distanza di tempo capii quel gesto altruista, d'amore, di compassione, insomma, tanti sentimenti che soltanto una donna è in grado di sentire fino in fondo...l'uomo non è che un asteroide senza rotta, difronte alla meraviglia del pianeta donna...ciao Keiko con tanta stima..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene: " nel bene e nel male"
      Alcune donne possono fare molto male.....
      Ma non era questo il post.
      Bellissimo il quadro che racconti: amore, altruismo, sacrificio....
      Grazie della tua stima, spero di meritarla.
      Un abbraccio:))

      Elimina