giovedì 2 maggio 2013

Non ero così anch'io, vero?!!

E mi è toccato partecipare ad un'altro compleanno.
Ossignore,qui nel mio condomio a gestione famigliare ( la famiglia è quella acquisita) si festeggia qualsiasi cosa: mesiversari di fidanzamento di adolescenti brufolosi, onomastici di persone che si chiamano con nomi numerici (Primo,Secondo....),nozze d'oro,d'argento,di carta, di domopack, si festeggiano le pensioni, quelle d'invalidità e quelle di vecchiaia e ovviamente tutti, ma proprio tutti i compleanni. Martedì sera, si sera cioè una cena, si è festeggiato il primo compleanno di una bimba. A un anno, mentre lei dormiva da più di due ore, oltre 70 persone mangiavano come macine per festeggiarla. Come è ovvio non mi sono inserita nella mischia delle zie/cugine/parenti varie tutte in tiro, sandali gioiello, cotonature a cuppolone  odorose di lacca, abitini succinti e porchetta che spunta dai denti. Stranamente non mi girava come sempre,da qualche giorno sono come anestetizzata (non sto prendendo farmaci,tanto per chiarire) e ho deciso di lasciarmi i jeans più vecchi che ho, capelli spettinati come sempre,anfibi, ma mi sono messa una maglia molto scollata. Il commento che ho sentito appena girate le spalle è stato se mi fossi rifatta. Detto da chi  si è rifatta non solo il seno, ma anche un lifting completo e un trapianto di capelli. Và beh...!!! Ma l'ho fatto con l'intenzione di far parlare e non sempre in maniera negativa:))  Ho preso una pizzetta e me ne sono andata in mezzo ad un branco di ragazzini urlanti. Questi ragazzini che urlavano come gibboni impazziti erano tutti vestiti con scarpe nuove e camice bianche, i maschi, e le femmine con abitini tipo prima comunione; Il luogo, la location per i più sofiticati, era la taverna del condominio e il vicolo privato. Il gioco era un pallone. Ovviamente in meno di 10 minuti i ragazzini erano tutti sudati come piccoli maiali e sporchi come i medesimi nel trogolo. Ed eccole, le mamme che stavano tritutando porchetta, frittate, pizze salate e lambrusco, indaffarate a parlare sempre e solo dell'assente di turno, arrivare ondeggiando su tacchi stiletto, con il mento unto di qualcosa di commestibile urlare:" Ma che stai a fà?! Porti la camicia bianca, te possino acciaccà!!! E te sei tutto sporcato, ma nun te poi 'sta fermo!! E le scarpe nuove, tutte scorticate!! E te, la borsetta dove l'hai ficcata?! Te sei smontata tutta l'acconciatura e te sei sporcata la gonnellina bianca. Ma possibile che sei così zotica?!!"
Meno male che io non sono più una giovane mamma, ma non mi ricordo nemmeno una volta di aver messo qualcosa di bianco ai miei figli e per poi sgridarli che si erano sporcati. E la lavatrice? L'hanno inventata grazieaddio!! E mettergli una tuta di cotone e lasciarli giocare in pace? E lasciare le femmine libere di essere maschiacci senza l'assillo dei capeli e dell'outfit  tutti i costi? E magari togliergli dalle mani le maxi bottiglie di Cola bevuta a garganella in quantità smodate? E magari smettere dieci minuti ogni ora di muovere le mascelle per masticare o spettegolare e controllare che non si sono scapicollati nel giardino di fianco o non stanno prendendo a calci i gatti? E smettere di parlare un nanosecondo di pappe, poppate, pannolini ,dentini, travagli, epidurali che magari non interessa a tutti e mentre si mangia non è il massimo della finezza e in fondo lo sanno tutte le femmine presenti come si partorisce e si svezza un bambino; e voi maschi la smettete di stare attaccati a quel cellulare, a guardare le macchine parcheggiate come fossero fotomodelle e parlare solo di pallone?!!
Tra venti giorni ho un'altro compleanno: nessuno si è accorto che dopo un po' me ero andata; magari non si accorgeranno nemmeno se non vado per niente:))
P.S.
Madre, nella foto, è il mio personaggio preferito. Certo lei ha come figlio Jean Claude........, ma pure io che mi devo sorbire tutta 'sta gente.....

16 commenti:

  1. Prendere a calci i gatti... GRRR
    Io la prossima volta mi darei alla macchia fossi in te. Tanto l'hai detto, neanche se ne accorgono! Oppure mi presenterei con tutta la mercanzia in bella mostra inguainata in un abitino super, e mi vanterei del mio davanzale rigoroasamente na-tu-ra-le per tutta la sera! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace di più la prima opzione!
      Però stavolta dove m'imboscavo visto che lì ci abito? La festa è terminata all'una di mattina, non potevamo dormire in macchina. Per la prossima mi organizzo:)

      Elimina
  2. hahahahahahahaha mi hai fatta morire.
    E per la cronaca io i compleanni degli unenni non li tollero proprio. Ste pore creature stanno stralunate tutto il dì per colpa delle smanie di protagonismo dei genitori.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dillo a me...!!!
      Ma qui ci sono feste per ogni occasione, a volte mancano gli alibi. Dovrei avere una mente ancor più contorta:)))

      Elimina
  3. Divertentissimo, un quadro perfetto della zoticaggine diffusa, della tamarraggine elevata a potenza.
    Se tanto mi dà tanto, aspetto con ansia che la virgulta faccia il secondo anno, e poi tutti gli altri...
    A cui non potrai mancare, per dovere di cronaca.
    Ciao, a tra venti giorni, non deluderci: vai, colpisci e racconta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che ti deluderò invece!!!
      Sto cercando di capire in quale giorno esatto festeggerà, in modo che possa prendere un biglietto per Piazza di Siena. Mi vado a vedere la gara di potenza, altro che porchetta e ragazzini ululanti.
      Almeno spero.........

      Elimina
  4. Per tua e nostra fortuna tu sei diversa da quella moltitudine di gente che usa il cervello chissà come, ma molto male questo è sicuro.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Aldo, se fossi davvero così intelligente, avrei trovato il modo di eclissarmi e invece stavolta non ci sono riuscita.
      Sarà per la prossima, tanto non mancano mai!!
      Un abbraccio:))

      Elimina
  5. Vivono nell'unico modo in cui possono stare in pace con se stessi, o non pensare, scegli tu quella che preferisci.
    E' difficile passare del tempo di qualità se il momento che vivi sei costretta a subirlo.
    Un pesce four d'acqua?
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesce fuor d'acqua?
      Un eufemismo.

      Elimina
  6. Ciao Keiko,
    anche io adoro Madre! E come te detesto le feste obbligate, compleanni compresi, è per questo che da almeno dieci anni non festeggio assolutamente niente con i parenti, solo qualcosa di molto piccolo insieme a chi conta davvero e non partecipo a nessuna occasione.
    Questo si chiama togliersi un peso dalle scatole!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una seguace di Madre!!!!
      Benissimo, abbiamo del feeling!!
      Certo che preferirei di molto Jean Claude a tutta la tribù, ma anche io scappo appena posso. Quando proprio sono messa alle strette, faccio buon viso e spero che finisca il prima possibile.
      Bisogna pur sopravvivere:))

      Elimina
  7. non so infatti come fai a sopportare tutto ciò...
    mi hai ricordato un film.
    ma sono raccomandazioni per riempirsi solo la bocca di parole. non servono a nulla.
    la raccomandazione peggiore è tuttavia : "non sudare"...

    son contenta di aver bypassato tutto ciò. in qualche modo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah bè....in effetti avevo dimenticato i veri NON SUDARE!!!!! urlati a squarciagola.
      Io non ricordo di essere stata così insopportabilmente superficiale.
      Ormai mi lasciano indifferente queste riunioni: presenzio solo quelle inevitabili e mi eclisso nelle altre.
      Con buona pace di tutti:)

      Elimina
  8. Keiko, quanta pazienza...
    Io proprio con tutte queste feste preordinate, non posso conviverci o se lo faccio, rischio di essere considerata la muta dei portici....
    Hai ragione , perchè vestire i ragazzi in quella maniera , come manichini viventi e poi inveire se si sporcano..e i soliti pettegolezzi da manuale, su questo e quello appena volta le spalle...
    Oddio no, non lo reggo più...Un bacio super....

    RispondiElimina
  9. ...dicono che la pazienza sia una grande virtù...in ogni caso penso tu abbia ragione, credo che in questa società sia scemata la naturalezza...abbraccio Keiko..

    RispondiElimina