lunedì 15 luglio 2013

Le parole giuste

A volte non trovo le parole giuste, spesso mi sembra di esagerare e per questo essere troppo selettiva nella scelta delle amicizie.
Oggi ho trovato le parole giuste.
Non sono le mie, ma dicono quello che io penso in un modo così viscererale e disincantato che mi rappresenta alla perfezione.

A me non l'ha detto mio padre: l'ho scoperto da sola.
E così non c'è pericolo che me lo dimentichi!

10 commenti:

  1. La saggezza e la simpatia di Aldo nostro restranno scolpite per sempre nella mente di tutti noi.
    Un caro saluto,
    aldo.


    ps. probabilmente sono io che, data l'età mi sono rimbambito ma la domanda che ti faccio è questa: quel tuo libro "le estati della mia vita" non si trova nel sito zeugmad insieme agli altri tuoi lavori? E poi l'avrò già letto o è il più recente? Credo di averli letti tutti. Grato per le informazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aldo carissimo!! ma tu sei il mio lettore più entusiasta!!!
      Che bello che ti interessi ai miei racconti:)))
      Quel racconto l'ho scritto per un altro sito: è un concorso e mi è stato proposto di parteciparvi; non me lo sono fatto dire due volte.
      Questo non l'hai letto, ora ti posto il link:
      http://www.writingshome.com/ebook_files/137276039869986400-4687849918.pdf

      P.S
      Siccome mi faccio sempre riconoscere, ne ho pubblicato anche un altro sullo stesso sito s'intitola "Per mia colpa" e mi cimento in un racconto lungo per la prima volta. Spero tanto che ti piacciano. Fammi sapere
      Un bacione:)))

      Elimina
  2. Scusami Antonella, ho copiato e incollato il link che hai postato su Google per la ricerca di quel sito dato che desidero leggere il tuo racconto, anzi due, ma benchè mi sia battutto con tutte le mie forze(?) informatiche e cliccando a più non posso, i miei tenativi sono andati tutti a vuoto. Esiste un modo più semplice alla portata di un ignorante come me?
    Grazie e un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aldo ti ho contattato su fb.
      Credo che stavolta sono riuscita ad essere chiara.
      Sono proprio 'de coccio col pc.
      Ti aspetto su fb
      Ribacio:))

      Elimina
  3. Conoscevo queste parole e non c'è nulla di più vero

    RispondiElimina
  4. Sai Antonella sto cercando le parole adatte per trasmetterti tutta la mia entusiastica ammirazione per i due racconti da te scritti che ho letto facendomi coinvolgere. Non le trovo queste parole anche perché non voglio apparire come uno di quei soggetti che a te non piacciono (ruffiani ecc).
    Mi sono immerso in quei due racconti tanto che mi è sembrato di farne parte personalmente.
    Una cosa però te la voglio dire. Non hai idea di quanto mi siano piaciute due brevi frasi del racconto "Le estati della mia vita" - pagina 6 e cioè 'CHE PESO HA L'ASSENZA? SPECIALMENTE QUANDO IL SOGGETTO E' PRESENTE DAVANTI A TE?'.
    Un caro saluto,
    aldo.

    ps. vengo da fb dove ti ho inviato un m essaggio.

    RispondiElimina
  5. oltre a queste cose argute altre ce ne sono, spesso taciute
    :-)

    RispondiElimina
  6. Sarebbe stato bello se avessi avuto un padre...

    Jan

    RispondiElimina