giovedì 26 settembre 2013

Alla faccia del sogno!


 Girovago senza una meta precisa lungo il corridoio di casa mia, la luce del giorno attraversa le tende candide: mi sento leggera, serena, in pace...
Poi un canglore, frastuono di  metallo e d'improvviso appare davanti a me un essere, un mostro fatto di pentole, padelle, con in testa uno scolapiatti; agita due mestoli tra le mani e mi grida: " Svegliati che è tardi!!! Alzati, sbrigati!!"
Mi ritrovo seduta sul letto mentre quella specie di pupazzo di latta così simile a quello del Mago di Oz rientra nella dimensione del sogno/incubo. Le 6,30! E' vero è tardi! L'autobus di mio figlio partirà tra poco mi devo sbrigare a fare la colazione!! Arrivo in cucina e una montagna di piatti, padelle e cazzarole ( è un termine molto tecnico per le addette ai lavori) arriva a sfiorare lo scolapiatti. Maledetto sosia del pupazzo di latta! Che sei venuto a fare nei miei sogni?! Preferisco di gran lunga quello che ho narrato nel mio racconto Morpheus, te che c'entri?! Sei venuto a ricordarmi che non ho la lavastoviglie? Che per farla entrare in casa dovrei sfrattare un figlio o il marito, accamparmi per il pianerottolo o mettere la lavastoviglie sul pianerottolo magari dotata di gettoniera per i condomini?!
Qualcuno molto edotto in lingua italiana mi può spiegare quale verbo posso usare: se uno fà un sogno, sogna, ha sognato, sognerà; ma se uno è in preda ad un incubo, com'è che si dice: incuba? ha incubato? Esiste un verbo per questa situazione, perchè se stanotte torna quell'orrido rompipadelle a ricordarmi quanti sgommarelli ( altro termine altamente tecnico che i non addetti ai lavori non capiranno mai) devo sgrassare, voglio quantomeno sapere come dire o scrivere che ho avuto un incubo in diversi modi e tempi.
E poi mio caro scassasgommeri, non eri nemmeno lucido: un po' di detergente per l'inox ti renderebbe meno repellente.
Mi vado a rileggere Morpheus...quello si che era un sogno!!!

13 commenti:

  1. Certo che anche tu sei messa bene a sogni.. cioè incubi!
    Sarebbe interessante saper il significato... anche se, secondo me ti riposta al desiderio di una lavastoviglie!

    Coniugare la parole incubo? Eccolo qua
    Ciao Gioiello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acc.. metti tu la parola... mi ha preso il sito ma nn la soluzione! ;-)

      Elimina
    2. E' un vero incubo!! Non c'è la soluzione nemmeno per la grammatica:((
      Mi terrò il pupazzo e dirò che ho incubato o incubito...

      Elimina
  2. ...e quindi stanotte 'tu incubasti' secondo la coniugazione che sono andato a cercare. Spero di averci azzeccato.
    I termini altamente tecnici mi hanno fatto rideremolto ma d'altra parte a Ro li abbiamo sempre usati e li usiamo ancora.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si!! Tra cazzarole padelle e sgommarelli ce mancava solo er pupazzo:))
      Bacio:)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Avrei voluto essere in grado di variare...

      Elimina
  4. Allora io ho capito sia cazzarole che sgommarelli. Merito un premio da casalinga disperata? :D

    RispondiElimina
  5. Questi sono termini altamente tecnici: quasi come il medichese!
    Il premio lo meriti sicuramente, sarai anche insignita di un'onoreficenza di merito se mi dici come cavolo si coniuga quel maledetto verbo!!
    Bacio:))

    RispondiElimina
  6. Ti suggerirei una camomilla, ma poi aumentano le tazze da lavare, ciao Buonanotte brunella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! E contaci pure il pentolino per l'acqua, il cucchiaino......
      Ciao:)

      Elimina
  7. Buona giornata a te, cara Keiko, carica di allegria!
    Ciao:)
    Luci@

    RispondiElimina