giovedì 12 settembre 2013

Chiamatemi Odisseo...

Mi capitano certe giornate, situazioni, ai limiti della realtà: Ulisse mi fa un baffo!!
Siccome non mi sono mossa un solo giorno da casa questa estate, avevo deciso regalarmi per il mio prossimo compleanno un regalo come dico io, di quelli che mi piacciono tanto: poltronissima al Sistina. Anche se ha perso un po' del suo fascino e spesso ospita artisti di livello minore, una serata al Sistina è uno dei miei  lussi preferiti. E allora partiamo di buon'ora io e mio figlio alla ricerca dei biglietti. L'autobus che ci porterà alla prevendita a Santa Maria Maggiore non è un autobus: è un barcone su ruote che scarica e carica umanità disadattata per 10 km. Saliamo su che è già pienissimo, i finestrini bloccati e l'aria spenta; l'afrore che si resira mozza il fiato, sale un senzatetto e si aprono le acque: se avesse dovuto pagare il biglietto per ogni parassita che ospitava il Comune avrebbe risolto tutti i problemi. Ci spostiamo più avanti scavalcando valigioni, sacchi neri che chissà cosa trasportano, veniamo urtati da ubriachi  e ci sentiamo un concertino di zingari aggratis. E io che vado pure a pagare per sentirne un'altro!! Termini!! Scendiamo e c'incamminiamo verso la prevendita, al semaforo (rotto), mio figlio dice che per tornare a casa vuole una tuta hazmat ( quella della foto) contro qualsiasi rischio sanitario perchè pensa di essersi attaccato tutte le malattie possibili, a forza di trattenere il fiato gli è venuto il solito fischio dell'asma ed eccoci in mezzo alla strada a fare il Ventolin, mentre una folla oceanica ci passa in mezzo. Dice che gli sembra di vedere le immagini di San Paolo, Bangladesh... Arriviamo all'agenzia, non hanno nessuna disponibilità perchè il teatro non le ha comunicate. Impreco in romanesco verace e facciamodietrofront, di nuovo Termini e 175 fino a Piazza Barberini per girare poi in via Sistina. Arriviamo, fila interminabile per gli abbonamenti( ma non c'era la crisi?) e terminali rotti. Rotti? Ma è dalle 9 che giro per Roma, come rotti?
-Senta scusi, ma ammesso che torni la linea c'è disponibilità per tale data?
-E che ne so! Prima devo finire gli abbonamenti e poi vedremo 
- E io come dovrei fare per saperlo, consulto una palla di vetro?
Mi guarda torva e mi dice che quando troverò la disponibilità in internet significa che ce l'hanno anche loro. Ma io questo lo sapevo. Sono loro che danno la disponibilità a tutti gli altri punti vendita!!!
Aridietrofront. Barberini -Termini, palina elettronica divelta, ci colleghiamo in internet per sapere quanti secoli dovremo attendere l'autobus: "solo" 20 minuti e poi di nuovo la carretta dei disperati. Mio figlio vorrebbe mettersi dei pezzi di fazzoletto dentro il naso: forse ha ragione lui, proprio davanti a noi una signora avvolta in decine di strati di nylon ci avvolge in una stabile nube tossica; altra crisi d'asma, altro Ventolin. Dopo 40 minuti scendiamo, arriviamo a casa e buttiamo tutti i vestiti in lavatrice.
Eppure abito in una delle metropoli più importanti del mondo,possibile che sia tutto così caotico? Che non si possano pulire i bus? Far funzionare internet? Saper quanti lustri aspettare un autobus?
Oggi ho acceso il pc: i posti disponibili sono pochissimi e in pessima posizione. Peccato. Ma ciò un nervoso!!!!

8 commenti:

  1. ti consiglierei di optare per teatri minori. ce ne sono tanti ed hanno un sacco di posti liberi. su internet, comodamente da casa.

    RispondiElimina
  2. sei stata fortunata...perchè se fosse stato di domenica neanche gli autobus avresti trovato. bologna-roma due ore e trenta, stazione termini-via aurelia due ore. due domeniche fa, è successo a me. e le ultime due fermate le ho dovute fare a piedi. l'autobus si è rotto. in mezzo alla campagna praticamente.

    RispondiElimina
  3. Brava keiko è bello coltivare delle passioni, non arrenderti davanti all'incredibile italia del 2013, buon compleanno? Brunella

    RispondiElimina
  4. Situazioni comuni in molte città.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  5. se fossi in te mi affiderei ad una prevendita del tuo quartiere... ce ne sono sempre. paghi 2,50 in più - ma vuoi mettere!!! - ma non fai tutto questo strazio... altrimenti li compri on line su internet!!!

    p.s.: tuo figlio ha tutta la mia solidarietà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'ho fatta!!
      Sabato mattina li ho trovato su ticketone e me li mandano a casa!!!

      Lui poveretto viaggia sui mezzi pubblici più scassati tutti i giorni e se potesse si comprerebbe la macchina a 15 anni:)

      Elimina
  6. Risposte
    1. Troppo aperta..sento certi spifferi

      Elimina