giovedì 10 ottobre 2013

Il rumore dell'acqua

...Erano più di venti giorni che dimorava nella casa affacciata sulla tangenziale. Il rumore del traffico era incessante, eppure quella goccia, che niente sembra fermare, la stava portando alla follia. Aveva provato di tutto: mettere un recipiente sotto quell'emorragia trasparente, sostituire il rubinetto, che nemmeno usava più per non peggiorare la situzione. Ma quella goccia la inseguiva in ogni stanza, ogni momento, le scavava il cranio come un perforatore per craniotomia. E le provocava un'insonnia letale.

Un piccolo stralcio del mio racconto che partecipa al concorso AQUA: dovevo scrivere tenendo conto di un tema, l'acqua appunto. Ci ho provato. Credo non sia andata male.
Potete leggerlo gratis con questo link  http://www.zeugmapad.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=415:il-rumore-dellacqua&Itemid=728
E mi raccomando: votatelo!! 



6 commenti:

  1. Un tema non facile ma tu sei riuscita a fare centro. In alcuni brani certi tratti a mio parere un po' forti tu li descrivi lievemente come se non desiderassi dar loro molta importanza. Può darsi che io abbia preso una cantonata ma l'ho letto talmente tutto d'un fiato come se non vedessi l'ora di dirti se mi sia piaciuto o meno. E allora ecco qua: MI E' PIACIUTO!
    Un caro saluto,
    aldo.

    ps. come al solito non so votare, non riesco a capire il meccanismo, scusami

    RispondiElimina
  2. Infatti è un tema molto forte, difficile da trattare in poche battute. Ho scelto una strada che mi sembrava fosse la migliore: gli strascichi che lascia questo tipo di violenza anche a distanza di molti anni.
    Grazie per il tuo commento, un forte abbraccio:))

    RispondiElimina
  3. Brava! Molto bello e originale il racconto.

    RispondiElimina