domenica 2 febbraio 2014

Aiutooo!!!!



E' successo. Sissì e' proprio successo quello che pregavo,imploravo, speravo, non succedesse mai.
Dopo aver passato una settimana a curare la suocera che di solito mi ignora, ma quando ha bisogno ammazza se mi riconosce  e allora prepara l'areosol, spiega trecento volte la stessa cosa perchè è pure sorda e vai dal dottore e riporta i sintomi e scrivi a caratteri cubitali quello che si deve prendere e falle il ventolin che per spiegarle come si fa mi ci è voluto un giorno e sono andata pure in iperventilazione per simulare come si procede; finalmente guarisce.
Martedì pomeriggio, ore 15: torna il figlio maschio da scuola, lamenta mal di testa, occhi rossi e un respiro particolare che io diagnostico in un nanosecondo. Dopo nemmeno mezz'ora ha 40,2. Influenza e che influenza!! Letto, tachipirina, termometro, apri i vetri , chiudi i vetri, cambia la maglia che hai sudato come un cammello, brodino leggero praticamente di acqua calda, comincia a straparlare( cosa che fa sempre quando ha la febbre alta). Sopravvivo fino a giovedì sera e mi preparo ad un venerdì di passione: accompagna la figlia grande dall'oculista che dopo la visita non ci vede, prepara tutto per il malato, affronta la " bomba d'acqua" sui mezzi pubblici, fai la visita, PAGA LA VISITA, fai la spesa, torna a nuoto a casa, ricambia la maglia e il pigiama e i lenzuoli al malato che ha sfebbrato. Arriva il pomeriggio e siccome sono fortunata, torna a casa il marito con 40 di febbre pure lui. Cerca il dottore, trova il dottore, COMPRA LE MEDICINE mentre i tombini saltano per la pioggia e per la mondezza che li ricopre, programma la sveglia notturna per ricordargli l'antibiotico a lui e la tachi al figlio, me ne vado a dormire ( si fa per dire) sul divano, lasciando il lettone ai malati.Sabato mi sentivo proprio come Carol Hataway, l'infermiera di E.R., quella che se la faceva con Clooney( non era disponibile ieri,porca paletta!) mi aggiravo per casa col termometro in tasca, la tachi a portata di mano continuando a cambiare maglette e lenzuoli. Poi oggi, come lo straripamento del Tevere, pure mia figlia sta male!!!
Chi di voi, gentili signori, ha un attico posto almeno al nono piano, sia gentile, sia caritatevole, me lo offra. Voglio morì!!!

9 commenti:

  1. orpo, mia cara, tanti auguri che passi presto!

    RispondiElimina
  2. Oh gioia.... che periodaccio!!
    Io ti ho invitato ma tu glissi sempre! ;-)
    Tanti tanti auguri di pronto miglioramento!!
    Un bacio!
    :-9

    RispondiElimina
  3. Nel bel mezzo dei guai riesci sempre ad essere divertente!

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace per tutto ma mi compiaccio con te perché hai scritto un post da morire dal ridere.
    Un caro saluto,
    aldo.

    ps.non ho un attico al nono piano e neppure la casa al primo che non è di mia proprietà ma ti posso dare le chiavi del terrazzo condominiale che si trova al settimo piano.

    RispondiElimina
  5. Menomale che sai sdrammatizzare la situazione.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  6. Porcazozza come stai messa male Keiko! Mi dispiace tanto. Io un attico non ce l'ho ma un bel divano letto comodo se vuoi t'aspetta :D

    RispondiElimina
  7. Lo so che mi ripeto ma quando scrivi riesci a sdrammatizzare tutto. Scommetto che un'invasione aliena riusciresti a descriverla come una giornata d'intenso traffico extraurbano.
    Buona settimana un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  8. attico con mansarda al primo piano (casa di ringhiera). Di fronte a me un ospedale. Io ci lavoro. Offro assistenza gratuita.
    SCAPPAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
    Joh

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutti per il sostegno, ma si è capito perchè cerco un attico al nono piano?
    Potrei buttarmi da casa mia, ma non sono certa di schiattare sul colpo, magari resto pure mezza rincoglionita; io cerco un piano alto perchè io voglio che muoro!!!

    RispondiElimina