lunedì 20 ottobre 2014

Nulla è come sembra



Un felice gruppo di padri porta le loro bimbe ad una festa.
No. Nulla è come sembra.
Sono spose bambine, che spesso muoiono o subiscono gravi lesioni in seguito ad atti sessuali e gravidanze.
Per qualche strana ragione in questo nostro paese se ti azzardi a fare un commento negativo sulle minoranze ( che oramai sono la maggioranza, almeno nella mia città) si passa da razzista.
Bè mi prendo l'epiteto e confermo che questa e altre mille usanze sono delle vere e proprie torture e violenze.

domenica 19 ottobre 2014

Come la marea

Nuovo contest  del mese di Ottobre.
I temi stavolta erano due: il peso dell'esistenza o la bugia.
Ho unito i due temi in un solo brevissimo pezzo.
Potete leggerlo e se vorrete votare il mio racconto direttamente sul blog usando questo link. Scrivete "voto per questo testo" e lasciate anche un commento al pezzo così da assegnarmi due punti. Grazie!
http://settegiornidifollie.altervista.org/7-giorni-follie-1314/bugia-peso-esistere/come-marea-antonella-mattei-keiko/

martedì 14 ottobre 2014

Una pessima idea.




Qualche decina di buste piene di libri scolastici usati riempie il mio corridoio: finalmente i professsori hanno finito il ripasso; quelli nuovi acquistati il primo giorno di scuola: "solo 250 euro, ecchesò?"
Devo ritirarne ancora uno già ordinato in libreria, aspetto che mio figlio torni da scuola e sono quasi le tre del pomeriggio con 32 gradi; lui si carica due zaini che nemmeno gli alpini osano ed io uno zaino ed un bustone.
Salita impervia fino al bus che ci lascia a circa 300 metri dalla libreria: fila per il ritiro del libro che ovviamente è introvabile usato perchè i docenti vogliono la nuova edizione, fila per pagare e poi fila infinita per vendere.
Due ore sotto al sole, insieme a ragazzi, mamme e padri, trascinando trolley, carrelli per la spesa e zaini.
Tocca a noi, lo scanner a infrarossi passa rapidissimo e implacabile sui libri, gli eserciziari, gli allegati A,B,C,D, i CD e tutti i fascicoli inclusi possibili.
Resa dei conti.
A fronte di oltre 40 libri di un valore di circa 500 euro, ci hanno comprato quattro volumi per 20 euro.
Siamo usciti di nuovo in strada e abbiamo fatto la fila ai secchioni della carta per  buttarli.
Ricordo che facevo la stessa cosa al mercato dei libri di Lungotevere 10 anni fa con mia figlia all'epoca liceale.
Non cambia proprio niente in questo Paese.

venerdì 10 ottobre 2014

Cronache di poveri amanti





Ecco, l'ho messo di spalle così non si riconosce, anche perchè altrimenti si dovrebbe vergonare.
Dunque, sabato 13 settembre ore 10,30/11 circa; ritorno dalla mega spesa quindicinale con il portabagli stracarico, mio marito alla guida cerca di girare a destra per entrare nella NOSTRA STRADA PRIVATA e si blocca a metà manovra: una marea umana di macchine tirate a lucido e centinaia di persone in grande spolvero ma sul burino. Ho immediatamente una folgorazione: si sposa il SIGNOR MINISTRO scrocca parcheggi e altro. Dietro cominciano a suonare i clacson delle altre macchine dal momento che abbiamo bloccato tutta la strada, mio marito suona a sua volta e uno degli invitati che entra a stento nell'abito che fu della cresima ci guarda e dice: " Non è nostra"
Se è vero che quando io m'infurio bisogna tenermi a catena come i pitbull è altrettanto vero che il maritozzo, come tutti i buoni, quando esce dai gangheri fà paura. Quindi scendo dalla macchina e gli dico: " Ok, non sarà sua di proprietà, ma di sicuro è della vostra combriccola"
-E boh, po' esse o nun esse...
- Oh senti esse o nun esse, vedete di toglie sta macchina che chiamo la Polizia, tanto l'ho vista l'auto blu, mica è invisibile.
L'autista dell'auto blu dei Carabinieri mi guarda incazzoso, mentre fingo di chiamare la polizia ( conflitto d'interessi) e tutta la coda di auto lancia strali romaneschi tra i quali il più simpatico è MA LI MEJIO MORTA... VOSTRA!!!
Dopo un'interminabile serie di minuti esce dal portone della sposina un tizio pelato, con una mascherina medica verde sulla bocca, una specie di camice da chururgo e i guanti di lattice, sposta di un centimetro il suo SUV e ci dice :" Ecco mo' ci passi"
- Ma tuo nonno ci passa, mica c'ho 'na bicicletta! risponde il maritozzo quasi livido.
Un tizio da qualche macchina dietro grida: " 'A  ( omissis, riferito al nome del SIGNOR MINISTRO) mo' c'hai rotto proprio li cojioni!!
Il presunto dentista che credo stia sistemando la dentiera alla sposa cavallona e lungimirante, si decide a spostare il suo studio medico ambulante e rientra in fretta in casa.
Fulmino con lo sguardo gli autisti dell'auto blu, che mi sa si sono pure grattati vista l'intensità dell'occhiata e finalmente riusciamo ad entrare in casa.
Qualche giorno dopo ho saputo che il SIGNOR MINISTRO è convolato a giuste seconde nozze quel giorno, gli sposini hanno chiesto come regalo di nozze un obolo per pagarsi la luna di miele.
Che tristezza.

P.S.
Oltretutto c'è stata anche una specie di indagine perchè Lui ha fatto assumere lei alla Regione Lazio o al Comune.
 Sono questi in tristi personaggi che ci dovrebbero rappresentare.