giovedì 7 maggio 2015

Nuovi mostri ( post modificato con aggiunta importante)







Succede tutto in pochi istanti. Sei su facebook e t'imbatti in una pagina nauseante e parte la prima segnalazione. Chi ne ha già fatte di segnalazioni sa benissimo che non è così semplice che il social elimini la pagina definitivamente.
In questo caso la pagina in questione menziona i bambini e atti sessuali espliciti, si parla di pedofilia, quindi, in teoria, dovrebbe essere rimossa subito. La pagina in questione è talmente vomitevole che partono centinaia di segnalazioni di persone indignate succede, grazie a questa indignazione popolare che in poche ore quella pagina sparisce. Sono sollevata e penso che ogni tanto anche in Italia le cose funzionano.
Nemmeno due ore e cosa trovo: il fenomeno ha riaperto la pagina. Proprio così: poche ore sono passate e il tizio in questione è tornato più attivo che mai e già con diversi like  e appaiono diversi commenti di chi conosceva la pagina precedente incredulo che possa essere ancora lì a farne un’altra insultando i neonati.
La domanda sorge spontanea: dal momento in cui dalle segnalazioni inviate Facebook risponde che determinate pagine sono conformi agli standard della community, come ci si può tutelare? Già per le foto con contenuto sessuale è difficile ottenere un riscontro idoneo, ma  in un caso come in questo una pagina che incita abusi sessuali su neonati, sembra più facile aspettare un miracolo che un'azione di legge. Stamattina ecco di nuovo il fenomeno all'opera ( perchè nel frattempo la polizia postale l'aveva ri-ri- richiusa): sono infuriata ed esterrefatta: segnalo di nuovo e contatto la polizia postale, dicono che provvederanno ( di nuovo) il prima possibile. Io mi chiedo possibile che non riescono a trovare questo indivuduo e denunciarlo per istigazione alla pedofilia?
Nel frattempo ho trovato una pagina che invitava gli adolescenti a suicidarsi ( l'hanno chiusa) e un'altra dove si mostrava come fare sesso con i criceti ( chiusa anche questa).
Vi prego: segnalate sempre queste pagine, saranno anche dei deficienti ma nessuno deve sentirsi libero di rendere pubbliche perversioni e istigazioni all'autolesionismo.

Stamattina, dopo decine si segnalazioni sia a facebook che alla polizia postale, la pagina ha oltre 200 like!!
Lascio questo post e vi invito a leggerlo!

A proposito della pafina facebook inneggiante la pedofilia della quale vi parlavo ieri, vi chiedo di leggere questo post: la questione è stata trattata persino a Chi l'ha visto ed ora la pagina che ha superato i 200 like usa una foto dei marò per fargli dire frasi oscene.
Leggete please!
Vorrei parlarvi di una cosa seria.
Ieri sera a Chi l'ha visto, è stato ospite Roberto Mirabile, presidente dell'associazione "La caramella buona Onlus", associazione che si occupa di combattere la pedofilia in Italia.
Negli scorsi giorni su facebook sono state create pagine pro-pedofilia con nomi osceni, che non starò qui a ripete perché solo il pensiero mi fa venire il voltastomaco. Tramite tantissima gente e tramite l'associazione queste pagine sono state segnalate, migliaia di volte, eppure Facebook ha ritenuto, per ben due volte, che la pagina in questione non fosse passabile di chiusura.
Il presidente Mirabile, e non solo, non è più disposto ad accettare la facilità con cui Facebook cancella e banna post e profili INNOCUI, ma mantiene attive pagine e post inneggianti alla violenza, alla pedofilia e quant'altro. Roberto Mirabile ha deciso di intraprendere un'azione legale contro facebook per favoreggiamento.

Io, sono dalla sua parte.
Vi lascio qui sotto l'articolo sul sito dell'associazione e la puntata integrale di Chi l'ha visto, non avendo trovato il video singolo. L'intervista al presidente Mirabile è all'ora 1:50:00.
Vi chiedo di perdere 10 minuti per ascoltare la storia.
http://www.caramellabuona.org/…/57-facebook-e-pedofilia-rob…
http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html…

6 commenti:

  1. che schifo!!! La cosa peggiore è quando segnali delle pagine e poi fb ti risponde che quello che affermi non è veritiero. Proprio la settimana scorsa mi sono imbattuta in due pagine spaventose, una diceva che le donne incinta sono delle bestie di satana e l'altra che tutti i bambini dovevano morire. In entrambe le pagine vi erano cose macabre e cattiverie spaventose, dei veri inni alla violenza mai cancellati...sono disgustata e senza parole come nel caso che descrivi mah!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco l'impotenza di veder vane le segnalazioni, ma non bisogna arrendersi! Bisogna pensare a quanti ragazzini guardano queste oscenità e potrebbero sentirsi capaci di emularli.
      Segnalare sempre, possibilmente alla polizia postale!
      Un abbraccio :)

      Elimina
  2. Una faccenda vergognosa a dir poco..
    Ma come si fa a provare piacere per simili oscenità?
    Soltanto chi ha la mente andata in pappa può soltanto sfiorare e leggere.simili post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' veramente vergognoso che non si riesca a fare nulla: l'associazione di cui parlo ha denunciato facebook. Spero si muova qualcosa perchè ogni minuto crescono i like a quella pagina oscena.

      Elimina
  3. so che vengono create apposta pagine simile per adescare pedofili e rintracciarli - dietro ovviamente ci sono i carabinieri o altro

    RispondiElimina
  4. Questa era proprio una porcata. Però l'hanno appena tolta!

    RispondiElimina