domenica 12 luglio 2015

Don Mazzi confuso tra finzione e realtà



Mi capita tra le mani una rivista di qualche settimana fa, quella il cui direttore porta un'assurda parrucca ora biondo cenere, e leggo una lettera o meglio uno strale contro quell'attore di cui ignoro il nome che interpreta il prete peccaminoso in una soap credo sudamericana: Il segreto.
Don Mazzi si scaglia su questo attore riversandogli addosso assurde accuse di dare scandalo e incitare altri giovani alla lussuria e alla confusione, dal momento che interpreta un prete "allegro".



Ma don Mazzi lei non ha altro da fare nella vita: dire messa per esempio, pregare, visitare i malati, aiutare Erika che ha scannato la madre ed il fratellino e lei ha saggiamento difeso e perdonato , riportare sulla retta via Corona e altre centinaia di delinquenti che lei cura come innocenti pecorelle smarrite. Certo mi rendo conto che sia poco il tempo rimanente tra le ospitate in tv dove diventa di volta in volta criminologo, psichiatra, avvocato, giudice e altre varie cariche o i compleanni dei vip dove appare tra la Venier e altri sconosciuti/e con le facce di plastica che festeggiano sempre 8/9 anni di meno siano tappe fondamentali per la sua carriera.
Io sono cattolica caro don anche se pratico nella totale solitudine di piccole chiese vuote in orari impensabili e mi piacerebbe trovare tutta la sua veemenza in una lettera potente contro la pedofila dei preti negli oratori e nelle comunità religiose;  contro quei prelati che aiutarono i criminali nazisti nella fuga più vile della storia, una parola sullo IOR anche se so che incute timore ma lei era così irato in quell'assurda lettera che saprà trovare le giuste parole e che dire di De Pedis criminale della feroce banda della Magliana sepolto in un altare laterale di Sant'Apollinare, casualmente stessa chiesa dove suonava Emanuela Orlandi. Lei si rende conto vero che migliaia di fedeli andavano a messa lì, ricevevano i sacramenti e a fianco avevano un criminale seppellito? Che poi ora è stato traslato e chissà dove si trova, magari un un'altra chiesa che nessuno sa. Scagliarsi contro questa mostrosuosità no? Meglio prendersersela con quel bamboccione di padre Gonzalo.
Guardi caro don la rassicuro subito: quel Cicciobello piacerà alle adolescenti, le donne ci fanno il brodo con lui glielo assicuro! Ma si ricorda Padre Ralph? Le parlo io della lussuria don Mazzi. Avrei camminato a piedi fino in Australia per una notte con padre Ralph! I miei sogni più peccaminosi e le mie fantasie più sfrenate sono state con quel personaggio, altro che Gonzalo!
Pensi caro don che io in quegli anni ero identica alla partner artistica del prete peccaminoso, abitavo a fianco a gli studi cinematografici della De Paolis e spessissimo i paparazzi si sbagliavano e mi fotografavano, lei può solo immaginare ( visto che non conosce la lussuria, ma la appiccica addosso agli altri) come vivessi io la questione. Padre Ralph si concedeva alla vecchia ereditiera per denaro e potere e se la spassava con la bellissima ragazza facendoci anche un figlio: tutte le donne del mondo chiudevano gli occhi  e si ritrovavano  avvinghiate a padre Ralph.
Era tutto finto don!  Erano pagati per fare gli strafighi che se la spassano con le ragazze, come lo è questo attore che non conosco e che lei aggredisce in modo ridicolo.
I suoi confratelli lo fanno di loro sponte, con la croce di Cristo ben in vista.
Ci pensi caro don, io andrò all'inferno per tutto quello che ho immaginato di fare con padre Ralph, ma i suoi colleghi  si pentiranno mai di quelle nefandezze? Esisterà mai un sacerdote che si scagli contro di loro? Perchè non lascia perdere gli attori, il mondo del cinema e della tv e comincia a dare in buon esempio? Renda pubblico il luogo di sepoltura di De Pedis e smuova le acque sul caso Orlandi, sulla Claps rimasta seppellita nel tetto della canonica per decenni o è più semplice parlare di sesso e lussuria? Si ricordi che si scrive solo di ciò che si conosce...
Ci pensi caro don e non si preoccupi se andrò all'inferno: sarò in buona compagnia.

2 commenti: